Varie

Dopo ben 8 mesi di sviluppo il team PsxIta ha annunciato Psxitarch v2.

Di cosa si tratta? E’ una distribuzione linux per PS4 basata su Arch Linux, sviluppata per essere leggera, poco esosa di risorse e facile da installare. Questa versione “v2” include moltissimi miglioramenti rispetto alla versione iniziale.

Ad esempio ora l’audio funziona via HDMI, presente un fix per il WIFI/BT e altre migliorie che permettono l’utilizzo dei driver Vulkan. Presente il

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Purism nel corso del 2017 ha annunciato una campagna di finanziamento per la realizzazione di uno smartphone basato su GNU/Linux che rispettasse la privacy degli utenti. L’idea dei crowdfunders consiste nel realizzare uno smartphone il più aperto possibile che garantisca la privacy degli utenti ad un prezzo ragionevole (pari a $599 dollari americani). La campagna di crowdfunding è stata un successo e il Librem 5, questo il nome del dispositivo, è

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Dopo aver aggiornato la line-up dei propri portatili Librem 13 e Librem 15 l’hardware vendor Purism ha annunciato l’imminente arrivo del suo app store. Si chiamerà PureOS Store e prende il nome della distribuzione GNU/Linux sviluppata da Purism PureOS.

Lo store distribuirà le varie app in modo sicuro sia sui portatili dell’azienda che sullo smartphone Librem 5 il cui arrivo, salvo ritardi, è fissato per Aprile 2019.

Pureos store sarà l’interfaccia tra gli

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Tre notizie in un unico articolo, ennesimo capitolo della mia personalissima Linux release roundup. Come da titolo parliamo della Bash 5.0 (è stata rilasciata la RC1), di VLC, che ha superato quota 3 miliardi di download, e della prima point release di Linux 4.20.

Bash 5.0

Il 2019 è l’anno del 5: dopo l’annuncio di Linux 5.0 è disponibile da qualche giorno la release candidate della nuova Bash 5.0. Bash (acronimo per bourne again

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Purism nel corso del 2017 ha annunciato una campagna di finanziamento per la realizzazione di uno smartphone basato su GNU/Linux che rispettasse la privacy degli utenti. L’idea dei crowdfunders consiste nel realizzare uno smartphone il più aperto possibile che garantisca la privacy degli utenti ad un prezzo ragionevole (pari a $599 dollari americani). La campagna di crowdfunding è stata un successo e il Librem 5, questo il nome del dispositivo, è

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

DIRT 4 è in arrivo su Linux nel 2019. Super notizia per gli appassionati della serie che potranno giocare anche sulla propria distribuzione preferita. Dopo il porting di Dirt Rally, dunque, anche Dirt 4 andrà ad ampliare il panorama di videogiochi giocabili su Linux.

Leggi anche: Shadow of the Tomb Raider arriva su Linux (e macOS) nel 2019

DiRT 4 è un titolo solido, concreto e collaudato che punta tutto sulla bontà di

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

UBports ha rilasciato l’OTA-6 di Ubuntu Touch per tutti i dispositivi “Ubuntu Phone” supportati.

Lo scorso 13 Ottobre gli sviluppatori di UBPorts hanno rilasciato l’OTA-5 di Ubuntu Touch. OTA-5 che ha donato maggiore stabilità al sistema, introdotto nuove funzionalità e lasciato molte speranze circa la crescita dell’OS. Ubuntu Youch, grazie all’OTA-5, è ora basato su Ubuntu 16.04 LTS (Xenial Xerus).

Il roll-out dell’OTA-6 sarà completato entro il 12 Dicembre come confermato nell’annuncio ufficiale

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Vi ricordate di Fuchsia OS? Ne ho parlato a più riprese qui su LFFL. Fuchsia è il sistema operativo del colosso di Mountain View che ancora oggi è avvolto nel mistero. Sappiamo che la società ci sta lavorando da diverso tempo ormai (le prime tracce risalgono a oltre due anni fa) e che, a differenza di Android, non è basato sul kernel Linux ma su un microkernel proprietario, chiamato inizialmente Magenta

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Il tanto atteso Black Friday day è arrivato. L’iniziativa nasce negli Stati Uniti: non c’è una vera e propria data di inizio, anche se le primissime origini risalgono alla fine del 1800. La terminologia vera e propria, invece, ha iniziato a farsi conoscere a metà 1900, anche se inizialmente veniva utilizzato anche per scopi non necessariamente legati al fenomeno attuale. Per esempio, il distretto di polizia di Philadelphia lo usava negli

Leggi il contenuto originale su Lffl.org