software

Questi ultimi giorni sono stati abbastanza privi di notizie interessanti in ambito Linux. E’ stato pubblicato il nuovo rapporto mensile di netmarketshare che vede l’adozione del pinguino su desktop ferma al 2.10% contro il (quasi) 10% di macOS e l’87.5% di Windows. Da diversi mesi Linux oscilla tra il 2% e il 3%, niente di nuovo. Ho deciso dunque di parlarvi dell’arrivo della prima point release di GNOME 3.32.

GNOME 3.32 è

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Opera 60, rinominato Opera Reborn 3, è ufficialmente disponibile per tutte le piattaforme supportate (Windows, Mac e, ovviamente, GNU/Linux).

Le cose da segnalare sono molteplici, la più interessante è forse il completo restyling dell’interfaccia utente. La nuova UI è stata ridefinita borderless dagli sviluppatori. Sono state ridisegnate le schede, mentre comandi principali e barra degli indirizzi sembrano ora un tutt’uno con la finestra. Presenti due temi: uno chiaro e uno più scuro.

Wallet

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Visual Studio Code (VSC) è un editor di codice open-source sviluppato da Microsoft per Windows, Linux e macOS. Si basa su Electron, un framework con cui è possibile sviluppare applicazioni Node.js.

Lanciato nel 2015 da Microsoft, Visual Studio Code si è imposto come uno degli editor di codice preferito dalla community degli sviluppatori. Mette a disposizione oltre 3000 estensioni. Offre completamento intelligente del codice, evidenziazione della sintassi, snippets, refactoring, supporto completo per

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Si rinnova la sfida tra gli antagonisti di Microsoft Office: la nuova release di WPS Office è disponibile per il download sia per Ubuntu che per tutte le altre distribuzioni GNU/Linux (ma anche per Windows, Android e iOS).

Nel 2017 vi avevamo annunciato che c’erano molti dubbi circa lo sviluppo della suite che era fermo da tempo. L’azienda ne ha annunciato lo stop definitivo per poi fare retromarcia: qui trovate il sunto

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Lo sviluppatore di KDE Nate Graham ha condiviso alcune delle novità in arrivo su KDE Plasma 5.16, in KDE Applications 19.04 e in KDE Frameworks 5.57.

Grazie al lavoro congiunto di Aleix Pol Gonzalez e Nate Graham il graphical package manager Plasma Discover riceverà diverse migliorie in KDE Plasma 5.16. Ad esempio sarà presente una revisione generale dell’usabilità della pagina “Aggiornamenti”. Sarà possibile rimuovere le app scaricate dalla vista dopo che sono

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Arne Exton ha ufficializzato l’arrivo della prima versione di RaspAnd che porta l’ultima versione dell’OS di Google (Android 9.0 Pie) su Raspberry Pi 3 Model B e su Pi 3 Model B+.

La build in questione, disponibile da un paio di giorni, è RaspAnd 190315. Questa versione dell’OS è stata denominata RaspAnd Pie 9. A bordo troviamo il kernel Linux 4.14.61 con supporto per il Wi-Fi (sia su Model B che su

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Google, nella giornata di ieri, ha dato il via al roll-out di Chrome OS 73, sistema operativo dedicato ai dispositivi Chromebook.

Dopo l’arrivo della versione 73 del browser, ecco Chrome OS 73. Questa release, abbbastanza corposa, introduce diverse migliorie, va a correggere alcuni bug ed è presente anche qualche nuova feature.

Negli ultimi mesi ho dedicato ampio spazio a Chrome OS qui su LFFL in quanto gli sviluppatori di Google hanno introdotto

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Nonostante sia creato per KDE Plasma, KDE Connect funziona anche con altri

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Nvidia ha rilasciato i nuovi driver 418.56 per GNU/Linux, FreeBSD e Solaris con supporto per nuove schede video tra cui la MX230 e la MX250.

GeForce MX250 e GeForce MX 230 sono due nuovi modelli di GPU per notebook che l’azienda californiana proporrà ai partner per i dispositivi di fascia medio/bassa. Nvidia ha affermato che la GeForce MX250 non offrirà un sostanziale aumento delle frequenze di clock rispetto a GeForce MX150, tuttavia,

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Mozilla ha annunciato Firefox 66 per Linux, Android, Windows e macOS. L’edizione sessantasei del browser arriva circa un mese e mezzo dopo la precedente, Firefox 65.

Firefox 66 è la prima release che nasconde la system title bar di default quando si opera su un sistema con il desktop environment GNOME (a proposito, è stato da poco rilasciato GNOME 3.32!). A beneficiarne è l’aspetto del browser.

Mozilla con questa release punta a rendere meno

Leggi il contenuto originale su Lffl.org