Open source

È di ieri la notizia, ufficializzata dalla Linux Foundation, della nascita della Open Source Security Foundation. Questo nuovo ente deriva dalla collaborazione tra alcuni leader del settore tecnologico quali Red Hat, Microsoft e IBM. L’obiettivo comune è l’ottimizzazione della sicurezza del software open source.

OpenSSF per migliorare la sicurezza del software open source

La presenza del software open source è ormai olistica nel settore tecnologico. Dai data center agli smartphone, non esiste dispositivo

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom


La Linux Foundation ha annunciato oggi la creazione della Open Source Security Foundation (OpenSSF).
OpenSSF è una collaborazione intersettoriale che riunisce i leader dell'informatica per migliorare la sicurezza del software open source (OSS) creando una comunità più ampia con iniziative mirate e migliori pratiche. Combina gli sforzi della Core Infrastructure Initiative, della Open Source Security Coalition di GitHub e di altre attività di sicurezza portate avanti dei membri del consiglio direttivo GitHub,

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

WebTorrent Desktop è un semplice programma open-source e multipiattaforma che permette di visualizzare in streaming il contenuto dei file torrent senza scaricarli completamente. Da poche ore è disponibile la versione 0.23 allora cogliamo l’occasione per riassumere le principali novità introdotte delle ultime versioni di questo client.

WebTorrent Desktop: streaming via torrent

Parlare di torrent nel 2020 per molti potrebbe sembrare anacronistico, ma in realtà le cose stanno diversamente. Quando arrivò anche in Italia la

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Martin Wimpress, noto sviluppatore di Canonical, ha annunciato, tramite il suo canale Twitter, di essere al lavoro su una nuova distribuzione. Si chiamerà Ubuntu Retro Remix e nasce per trasformare qualsiasi Raspberry Pi in una console perfetta per il retrogaming.

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Vuls è un tool open source per sysadmin. Permette, infatti, di automatizzare la scansione delle vulnerabilità presenti in un sistema. È disponibile non solo per le principali distribuzioni GNU/Linux ma anche per FreeBSD. Ecco cos’è e come funziona.

Vuls vulnerability scanner

Tra gli oneri dell’amministratore di sistema, c’è il dover eseguire, quotidianamente, l’analisi delle vulnerabilità della sicurezza e l’aggiornamento del software. Per evitare tempi di inattività in un ambiente di produzione, è prassi

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

GitHub si sta occupando di catturare uno snapshot di tutti i repository pubblici attivi, per conservarli nell’Arctic Code Vault. La missione del GitHub Archive Program, infatti, è preservare il software open source per le generazioni future. Il codice è conservato in un bunker a 250 metri di profondità, nel permafrost di una montagna artica. La zona geografica di riferimento è l’arcipelago delle Svalbard. Una zona demilitarizzata, così come stabilito da questo trattato

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom


L'Health Service Executive (HSE) irlandese ha donato il codice sorgente per l'app COVID Tracker alla Linux Foundation. Ciò consentirà alle giurisdizioni di tutto il mondo di sviluppare e distribuire rapidamente le proprie app di tracciamento dei contatti utilizzando una base comune open source consentendo al tempo stesso il miglioramento globale di questo strumento.

Il codice sorgente di COVID Tracker Ireland sarà reso disponibile con il nome del progetto COVID Green. Il repository

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Microsoft attivissima nel mondo dell’open source. L’azienda creata da Bill Gates, infatti, persevera nel porting delle sue applicazioni per i sistemi operativi GNU/Linux. Ultimo della lista è ProcMon, ovvero il process monitor parte della suite delle utility Sysinternals per Windows.

ProcMon: Microsoft per GNU/Linux

Il colosso di Redmond, lo diciamo da mesi ormai, si è avvicinato moltissimo al mondo del pinguino, e all’open source in generale, con mosse concrete. Non parliamo solo del

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

In questo articolo vi parlerò di tre backup tool open source, dotati di interfaccia grafica e molto semplici da utilizzare. La distribuzione presa come riferimento è Ubuntu, ma è possibile utilizzare anche i suoi flavours o una sua derivata, come Linux Mint giunto recentemente alla versione 20 (Ulyana).

Backup tool semplici e veloci

Il primo strumento di cui voglio parlarvi è Déjà Dup. Si basa sul tool per command line duplicity, utilizza gpg

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Qrcp è un’utility open source e multipiattaforma, disponibile per GNU/Linux, Windows e MacOS, che, tramite terminale, permette di scambiare file tra desktop e dispositivi mobile. Come? Basta che i vari device, connessi alla medesima rete Wi-Fi, scansionino un QR code generato appositamente.

Qrcp: un server temporaneo per l’invio di file o directory

Qrcp funziona associando un server Web all’indirizzo dell’interfaccia di rete Wi-Fi su una porta casuale. Questo tool, quindi, similmente a fileserve

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom