Google

Google sta collaborando con il team Ubuntu Desktop di Canonical per garantire il supporto al suo framework open source Flutter su Linux. Flutter nasce come framework per lo sviluppo di app multipiattaforma: le applicazioni create con questo SDK funzionano sia su iOS che Android. L’alpha rilasciata oggi lascia intendere che d’ora in avanti potrà essere usato anche per creare applicazioni desktop per Linux. Ad annunciare la cosa è stata Canonical attraverso il

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Google ha annunciato attraverso il suo blog ufficiale l’Open Usage Commons. Si tratta di una nuova organizzazione, supportata dal colosso di Mountain View, che nasce con il fine di aiutare i progetti open source nella gestione dei loro marchi.

Open Usage Commons, Google e i trademarks

La gestione di un progetto open source richiede un lungo elenco di competenze. Oltre agli ovvi aspetti puramente tecnici, come la manutenzione dell’infrastruttura di backend, sono richieste

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Da una collaborazione tra Google e SkyWater Technology Foundry nasce SkyWater PDK. Questa tecnologia fornisce un PDK, acronimo di process design kit, open source che permette di progettare i propri chip a 130nm.

SkyWater PDK, realizzare il proprio chip

Tim Ansell, software engineer da 12 anni presso Google, e noto sviluppatore nel mondo dell’open source, in un intervista tenuta alla FOSSI Foundation ha spiegato le caratteristiche di questo interessante progetto, attualmente in fase

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom


Chrome OS consentirà a breve di poter eseguire Steam. La conferma è stata riportata dal sito 9to5google.com che scavando nel codice sorgente di Chromium, ha trovato riferimenti ad un nuovo progetto chiamato Borealis.

Come ben saprete su Chrome OS, grazie al progetto Crostini, è possibile eseguire applicazioni Linux. Crostini gestisce una intera distribuzione Linux in una macchina virtuale.
A differenza di Chrostini che si basa su Debian, Borealis si basa su Ubuntu, nello

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Nell’ormai lontano novembre 2019 (sì, sembra e forse è un’era geologica fa) vi abbiamo parlato dell’associazione Open Invention Network, nata con lo scopo di proteggere Linux dai così detti patent troll, le persone cioè che registrano brevetti nei confronti di tecnologie per le quali non detengono alcuna proprietà intellettuale e che soprattutto sono (e dovrebbero…
Read more

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

FreeFileSync è un tool open source e multipiattaforma, che permette di comparare e sincronizzare due cartelle, in locale o tramite Google Drive. Ecco come utilizzare questo programma, utile per effettuare backup sia offline che sul cloud.

FreeFileSync è leggero e semplice da usare

Chi di voi utilizza Google Drive assiduamente sa bene che per GNU/Linux, purtroppo, non è stato rilasciato alcun client ufficiale, da parte del colosso di Mountain View. FreeFileSync potrebbe essere

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Quando una vulnerabilità viene scoperta e pubblicata, generalmente è seguita da una patch (o un aggiornamento) che punta a risolverlo. Questo problema ovviamente è amplificato quando il software è molto utilizzato ed è ancora più critico quando la falla in questione è critica. E’ esattamente quello che sta succedendo in questi giorni: è stata scoperta…
Read more

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!


Apple e Google hanno deciso di collaborare allo sviluppo di una applicazione che fa uso del Bluetooth per tracciare la catena di contatti delle persone affette da COVID-19.
Di seguito trovate il comunicato stampa congiunto:

I governi e le autorità sanitarie di tutto il mondo stanno unendo le forze per trovare soluzioni alla pandemia di COVID-19, proteggere le persone e consentire il ritorno alla normalità. Gli sviluppatori software stanno dando il proprio contributo

Leggi il contenuto originale su Marco's Box


Di Zoom e dei suoi problemi di sicurezza ve ne ho parlato qualche giorno fa in questo articolo dove ho riassunto tutti i problemi fino ad ora emersi.
La faccenda è seria e sempre più aziende hanno deciso di vietarne l'uso sui propri computer aziendali. L'ultimo in ordine di tempo è Google che ha deciso di vietare l'utilizzo di Zoom per i propri ai propri dipendenti.

Il client desktop di Zoom verrà inibito

Leggi il contenuto originale su Marco's Box


Google ha realizzato un report per aiutare le persone e i funzionari della sanità pubblica a comprendere come sta procedendo la risposta al distanziamento sociale che è stata imposta dagli Stati per combattere la pandemia da COVID-19.
Il report offre dati aggregati e anonimizzati al fine di garantire il rispetto della privacy degli utenti.
Ecco quello che emerge analizzando i dati su base nazionale:

  • L'affluenza in bar, ristoranti, centri commerciali, parchi a tema, musei,

Leggi il contenuto originale su Marco's Box