Google


Google ha realizzato un report per aiutare le persone e i funzionari della sanità pubblica a comprendere come sta procedendo la risposta al distanziamento sociale che è stata imposta dagli Stati per combattere la pandemia da COVID-19.
Il report offre dati aggregati e anonimizzati al fine di garantire il rispetto della privacy degli utenti.
Ecco quello che emerge analizzando i dati su base nazionale:

  • L'affluenza in bar, ristoranti, centri commerciali, parchi a tema, musei,

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

A volte quello che si pensa essere un miglioramento si rivela essere proprio l’opposto. E’ quanto emerso da analisi fatte dal Google Project Zero, un team di ricercatori di sicurezza di Google che studiano le vulnerabilità così dette “zero-day“. Il caso preso in questione è quello di Samsung che, nel tentativo di prevenire alcuni attacchi…
Read more

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Per utilizzare le moderne feature dei cloud online mantenendo il controllo sui propri dati e, soprattutto, sfruttando software open-source, Nextcloud è una delle migliori soluzioni o, per lo meno, delle più complete. Molte aziende (e privati) oramai si appoggiano ad esso, ancora di più considerando la disponibilità della versione enterprise, per chi ha esigenze più…
Read more

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

La notizia arriva da David Ruddock di Android Police che la settimana scorsa al CES di Las Vegas ha avuto occasione di fare due chiacchiere con Kan Liu, a capo del product management per Chrome OS di Google. Non si hanno ancora date, nemmeno lontanamente, ma la cosa è certamente confermata: il team Chrome sta…
Read more

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

La notizia, se confermata, farà molto piacere ai gamer. Come riportato da Android Police Google è al lavoro per portare il client di Valve, Steam, su Chrome OS. A dichiararlo è stato Kan Liu, il product management director di Chrome OS. Grazie alla compatibilità con Linux sarà possibile giocare ai giochi preferiti mediante un client Steam ufficiale.

Tempistiche e dettagli sono ancora un segreto. Liu non ha svelato altro, ha lasciato però

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Gli sviluppatori di Google che lavorano al progetto Stadia stanno incontrando problemi nel porting dei giochi a causa dello scheduler di Linux. Alcuni sviluppatori indipendenti hanno apportato alcune modifiche allo scheduler ma non è ancora sufficiente.

Cos’è lo scheduler?

Per rendere l’articolo comprensibile a tutti non posso esimermi dallo spiegare brevemente cos’è uno scheduler.

Lo scheduler è un componente fondamentale dei sistemi operativi multitasking, cioè quelli in grado di eseguire più processi (task) contemporaneamente.

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Il panorama dei browser è sempre attivo e, nonostante a farla da padroni ci sono i 4 soliti noti -Firefox, Chrome, Opera e IE/Edge- diversi utenti Linux optano per altre soluzioni, sia per comodità (magari sono già installati sulla loro distribuzione) che per esplicita scelta. Può essere per molti un problema quando uno dei fornitori… Read more

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Google ha recentemente annunciato un nuovo servizio che si chiama Bare Metal Solution. Come il nome fa dedurre, si tratta di hardware dedicato a specifici workload all’interno del cloud. È bene precisare come non ci si riferisce propriamente a macchine dedicate all’interno del cloud sulle quali è possibile installare quello che si vuole (come fanno…
Read more

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Google dal 2010 a oggi ha già pagato oltre 15 milioni di dollari in bounty program e ha deciso che vuole spendere ancora di più per garantire la sicurezza di Android e dei device Pixel. Big G ha ulteriormente aumentato i premi per il programma Android Security Rewards quadruplicandoli.

I bug bounty program spingono gli hacker a cercare i bug e a segnalarli. Big G pagherà fino a 1 milione di dollari

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom


Google si prepara a uccidere Google Cloud Print, un servizio di Google che consentiva ad una qualsiasi applicazione web, desktop e mobile, su qualsiasi dispositivo nella rete cloud, di stampare su qualsiasi stampante compatibile.

Lanciato nel 2010, il servizio non sarà più supportato dal 31 dicembre 2020. A partire dal 1° gennaio 2021, i dispositivi di tutti i sistemi operativi non saranno più in grado di stampare utilizzando Google Cloud Print.

Gli utenti

Leggi il contenuto originale su Marco's Box