Google

Maddie Stone, analista del team “Project Zero” (gruppo interno di Google che lavora per individuare le vulnerabilità zero-day) ha reso noto di aver scovato un bug in grado di fornire accesso completo come root a oltre 18 dispositivi Android (inclusi quattro modelli di Pixel). In cosa consiste un bug di tipo “use-after-free”? Semplificando, si tratta… Read more

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Google ha annunciato Chrome 76. Questa versione del browser assesta l’ennesimo colpo a Flash e rende più semplice aggirare i paywall dei siti Web. Il browser è già disponibile per tutte le piattaforme, compresi Linux e Android.

La principale novità, come detto, riguarda Flash che ora viene bloccato di default (pur essendo ancora attivabile dalle impostazioni). In futuro il supporto alla componente di Adobe sarà eliminato definitivamente.

Chrome 76

C’è un cambiamento importante anche

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Lo scorso 20 Marzo vi ho parlato di Google Stadia nuovo servizio dedicato ai videogiocatori che si basa su Linux. Si tratta di una piattaforma di streaming pensata per permettere ai giocatori di divertirsi su qualsiasi dispositivo: dai PC agli smartphone, dai tablet fino alle TV dotate di Chromecast o app dedicate.

I giochi non vengono eseguiti sul vostro Pc / tablet / smartphone / console bensì nei datacenter di Google. Si

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Google ha presentato negli anni una miriade di progetti, idee, novità offerte per i suoi utenti. Alcune, come Wave, hanno dimostrato subito di essere nate sotto gli auspici sbagliati, tanto da poter essere considerati una meteora nel panorama dei social network.
Altri progetti, sebbene più usati e amati, stanno subendo lo stesso destino venendo chiusi, al pari di rami secchi tagliati: Picasa, Reader, Talk…

Sebbene la pratica in sé sia del tutto giustificata,

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Ad inizio settimana, Google ha approfittato dell’annuale Game Developers Conference (GDC) per presentare ufficialmente Stadia come piattaforma cloud-based per il gaming in streaming, prima conosciuto con il nome di Project Stream.

Tipo Netflix, ma per i videogiochi.

Google ha scelto il pinguino, per la precisione Debian, e si è affidata a Vulkan per le API grafiche, consentendo uno streaming (al momento) fino a 4K a 60FPS con in programma di arrivare ad 8K

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Google Stadia è sulla bocca di tutti da ieri, quando big G ha presentato questo nuovo servizio streaming dedicato ai videogiocatori. Si tratta di una piattaforma di streaming pensata per permettere ai giocatori di divertirsi su qualsiasi dispositivo: dai PC agli smartphone, dai tablet fino alle TV dotate di Chromecast o app dedicate.

I giochi non vengono eseguiti sul vostro Pc / tablet / smartphone / console bensì nei datacenter di Google.

Leggi il contenuto originale su Lffl.org


Google ha appena annunciato, durante la Game Developers Conference 2019 (GDC 2019), Stadia, il suo nuovo servizio di gaming in streaming interamente basato sul cloud.


Grazie a Stadia gli utenti potranno giocare su qualsiasi dispositivo, inclusi laptop, computer desktop e telefoni e tablet selezionati. A seconda della propria linea internet si potrà giocare fino a 4K HDR a 60 f/s (ed in programma si parla di 8K a 120 f/s).

Essendo un servizio

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Ecco il messaggio targato Google:

Gentile utente Search Console,

il team Search Console è costantemente impegnato a migliorare il nostro prodotto, in base ai feedback forniti dagli utenti. Secondo un reclamo comune che abbiamo ricevuto, agli utenti non piace dover creare proprietà separate per i protocolli http, https, www, m e altre varianti del proprio sito.

Abbiamo ascoltato la voce degli utenti e siamo orgogliosi di

Leggi il contenuto originale su Software Free & Open Source

L’anno scorso vi parlavamo del successo ottenuto da KDE al Google Summer of Code 2018, con ben due dozzine di studenti al lavoro sulla piattaforma.

Quest’anno (in cui si festeggia anche l’anniversario dei 15 anni dell’evento) un’altra interessante notizia è venuta fuori, quando qualche giorno fa Google ha annunciato la lista delle organizzazioni che sono state accettate come “mentori” per gli studenti che si applicheranno al programma.

La community Linux, infatti, è estremamente

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Google ha lanciato una nuova estensione per Google Chrome chiamata Password Checkup in grado di rilevare se i nostri dati di login sono stati compromessi in un precedente attacco hacker.

Il funzionamento dell'estensione è semplice. Una volta installata rimarrà in background, notificandoci con uno scudo verde se non ci sono problemi. Non appena andremo a inserire i nostri dati di login su qualche sito che risulta essere stato compromesso l'estensione entrerà in funzione

Leggi il contenuto originale su Marco's Box