Svelati prezzi e consumi di Google Stadia, servizio gaming basato su Linux

Lo scorso 20 Marzo vi ho parlato di Google Stadia nuovo servizio dedicato ai videogiocatori che si basa su Linux. Si tratta di una piattaforma di streaming pensata per permettere ai giocatori di divertirsi su qualsiasi dispositivo: dai PC agli smartphone, dai tablet fino alle TV dotate di Chromecast o app dedicate. I giochi non […]

L’articolo Svelati prezzi e consumi di Google Stadia, servizio gaming basato su Linux sembra essere il primo su Lffl.org.

Continue reading

I prodotti Google perdono forza. Per colpa di Google.

Google ha presentato negli anni una miriade di progetti, idee, novità offerte per i suoi utenti. Alcune, come Wave, hanno dimostrato subito di essere nate sotto gli auspici sbagliati, tanto da poter essere considerati una meteora nel panorama dei social network.Altri progetti, sebbene più usati e amati, stanno subendo lo stesso destino venendo chiusi, al pari di rami secchi tagliati: Picasa, Reader, Talk… Sebbene la pratica in sé sia del tutto giustificata, la frequenza con cui sta capitando sembra in accelerazione. Come notato in un articolo di Ars Techinca, l’elenco di prodotti dismessi (o ridimensionati) dei primi quattro mesi di quest’anno è particolarmente lungo (e importante): 15 gennaio: annotazioni nei video Youtube8 febbraio: Google Fiber11 febbrario: Chromecast Audio13 febbraio: Android Things12 marzo: divisione laptop e tablet13 marzo: Google Allo14 marzo: lo studio di realtà virtuale Spotlight Stories30 marzo: l’accorciatore di URL goo.gl31 marzo: il supporto a IFTTT per Gmail2 aprile: Google+ e Inbox L’articolo (piuttosto lungo) sostiene che la chiusura di così tanti progetti, talvolta nati molto poco tempo fa (per esempio Allo, un programma di messaggistica istantanea, aveva solo due anni) infonde una sensazione di instabilità negli utenti, tanto da rendere inaffidabile Google come fornitore di servizi. E creare […]

Continue reading

Ecco Google Stadia: nuovo servizio gaming basato su Linux e tecnologie open source

Google Stadia è sulla bocca di tutti da ieri, quando big G ha presentato questo nuovo servizio streaming dedicato ai videogiocatori. Si tratta di una piattaforma di streaming pensata per permettere ai giocatori di divertirsi su qualsiasi dispositivo: dai PC agli smartphone, dai tablet fino alle TV dotate di Chromecast o app dedicate. I giochi […]

L’articolo Ecco Google Stadia: nuovo servizio gaming basato su Linux e tecnologie open source sembra essere il primo su Lffl.org.

Continue reading

Google Summer of Code 2019: Linux molto presente.

L’anno scorso vi parlavamo del successo ottenuto da KDE al Google Summer of Code 2018, con ben due dozzine di studenti al lavoro sulla piattaforma. Quest’anno (in cui si festeggia anche l’anniversario dei 15 anni dell’evento) un’altra interessante notizia è venuta fuori, quando qualche giorno fa Google ha annunciato la lista delle organizzazioni che sono state accettate come “mentori” per gli studenti che si applicheranno al programma. La community Linux, infatti, è estremamente ben rappresentata da due delle più importanti distribuzioni attualmente disponibili, ovvero Fedora e Debian che, in aggiunta ai due più importanti desktop environments per il pinguino, GNOME e KDE, e l’intera Linux Foundation, fanno si questo evento che non nasce come specifico per il nostro amato sistema operativo, metta decisamente in chiaro che l’open source c’è, è la soluzione vincente e, soprattutto, è il futuro. As usual, we received more applications this year than we did last year, about twice as many as we are able to accept into the program. After careful review, we have chosen 207 open source projects to be mentor organizations this year, 28 of which are new to the programCome sempre, abbiamo ricevuto più richieste questo anno di quante ne sono arrivate […]

Continue reading