Consigliati

Dell ha annunciato il nuovo XPS 13 Developer Edition. Si tratta della nona generazione di questo portatile che sotto il cofano vanta un processore Intel 10th gen Core U e, ovviamente, Ubuntu 18.04.3.

Il sistema operativo è quindi l’ultima LTS edition di Ubuntu aggiornato alla terza point release che introduce il nuovo stack HWE già presente su Ubuntu 19.04. Sotto il cofano è stato inserito Linux 5.0, di cui vi ho parlato

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Maestral è un nuovo client open-source per Dropbox compatibile con Linux e macOS. Il tool è attualmente in beta. Può essere usato con e senza GUI ed è stato creato con l’obiettivo di dare agli utenti un client compatibile anche con file system non supportati dal client ufficiale, come Btrfs, Ext3, ZFS, XFS o filesystem criptati.

Gli sviluppatori hanno rilasciato la prima beta da pochi giorni ma sono già presenti diverse funzionalità

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Debian, Ubuntu e diverse distro derivate possono installare automaticamente gli ultimi aggiornamenti di sicurezza (e non solo) grazie ad un package chiamato unattended-upgrades.

Questo package è installato di default su Ubuntu (ma non su Linux Mint ad esempio) e Debian 9+ con Gnome. Per quanto riguarda i flavors quasi tutti hanno questo package pre-installato: Kubuntu, Ubuntu MATE, etc. Diversi utenti si sono lamentati (vedi qui e qui) di questi aggiornamenti automatici che

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Google ha finalmente rilasciato in via ufficiale Chrome OS 75. Negli ultimi mesi ho dedicato ampio spazio a Chrome OS qui su LFFL in quanto gli sviluppatori di Google hanno introdotto la possibilità di eseguire nel sistema operativo le Linux apps. Google nelle precedenti release del suo sistema operativo ha iniziato a garantire alle Linux apps l’accesso alle cartelle Android. Big G ha poi implementato il supporto per la segnalazione di ulteriori

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Lo scorso 19 giugno, in questo articolo, vi annunciavo il definitivo abbandono del supporto per le architetture i386 (a 32-bit) da parte di Ubuntu 19.10 e dei suoi successori. La decisione presa da Canonical, come vi ho raccontato Domenica, ha scatenato un mezzo putiferio.

Steam ha annunciato che non avrebbe più supportato le nuove versioni di Ubuntu e gli sviluppatori di Wine hanno mostrato il loro disappunto verso la decisione presa

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Gli Snaps stanno diventando sempre più popolari. I due principali punti a favore di questa tecnologia sono la facilità d’uso e il fatto che sono compatibili con diverse distribuzioni GNU/Linux. In questo articolo vediamo come installare una Snap app su Elementary OS grazie a Snaptastic.

Snaptastic porta gli Snaps su elementary OS

Recentemente tantissime app hanno abbracciato il formato Snap: Visual Studio Code, Spotify, il browser Opera, Skype, Microsoft Powershell, Firefox e molti

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Alla Google I/O l’azienda di Mountain View ha annunciato che tutti i nuovi Chromebooks prodotti d’ora in avanti saranno Linux-ready. Wait, what? Andiamo con ordine.

Innanzitutto per chi non lo sapesse ricordo che la Google I/O è una conferenza tenuta annualmente dal 2008 da Google a San Francisco e rivolta agli sviluppatori.

Tutti sapete che i Chromebooks sono una famiglia di portatili che montano Chrome OS, sistema operativo sviluppato interamente da big G

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Il Windows Subsystem for Linux (WSL), ve ne ho parlato infinite volte qui su LFFL, è una funzione integrata nell’OS di Microsoft che permette di avviare una distribuzione GNU/Linux all’interno di Windows 10 senza doverlo virtualizzare o effettuare un dual boot.

Dopo aver portato tantissime distro sul Windows Store, tra cui Ubuntu, Debian e Kali, dopo aver lanciato un tool open-source che permette di rendere compatibile qualsiasi distro Linux con il WSL

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Purism ha annunciato una suite software per Android e iOS: si chiama Librem One.

L’azienda è nota sia per i propri laptop che, soprattutto, per aver annunciato nel corso del 2017 una campagna di finanziamento per la realizzazione di uno smartphone basato su GNU/Linux che rispettasse la privacy degli utenti: il Librem 5.

Stufa dei problemi di privacy legati alle compagnie del settore hi-tech quali Google, Facebook, Apple, Purism ha deciso di lanciare

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Compulab ha venduto computer compatti e senza ventola (fanless) con processori molto potenti per diversi anni. L’Airtop3 non si smentisce: è un vero e proprio cavallo di razza.

Il mini computer, il termine “mini” non riguarda certo la potenza computazionale che può sprigionare, misura circa 12″ x 10″ x 4″ e presenta un design senza ventola con raffreddamento passivo in grado di dissipare calore fino a 300 watt. Se volete il massimo

Leggi il contenuto originale su Lffl.org