bash

La guida di oggi tratta un argomento utilissimo, la creazione di alias in bash. L’uso di alias va ad aumentare la propria efficienza nell’utilizzo del terminale, ed è di aiuto per quanti non ricordino le infinite opzioni di alcuni comandi. Concluderemo l’articolo con una introduzione alle function.

Bash alias: cosa sono e come crearli

Non so voi, ma il mio comando preferito da terminale è history. La mia scarsissima memoria unita ad una

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Una delle funzioni più interessanti della bash è quella di poter creare degli alias della shell ovvero dei comandi personalizzati per eseguire sequenze di comandi difficili da ricordare o trascrivere.

Come funziona un alias

La sintassi del comando alias è la seguente:

alias nomealias='comando'

Facciamo un esempio

Supponiamo, ad esempio, di voler creare un alias che ci lanci in sequenza i comandi

pkcon refresh && pkcon update

e di voler chiamare l'alias aggiornamento

Il nostro comando sarà dunque

alias aggiornamento='pkcon

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Bash 5.0 alle porte

by Marco Bonfiglio on

Nuovo anno, nuova shell!
La befana quest’anno ha portato la release candidate di Bash 5.0, ovvero una major release della shell più usata nel mondo linux (e non solo).

L’elenco delle novità non è molto lungo, e riporteremo giusto quello compilato dagli amici di Phoronix:

  • BASH_ARGV0 una nuova variabile, con valore uguale $0 (ovvero il nome dello script), ma che può essere modificata
  • EPOCHSECONDS altra nuova variabile che contiene lo Unix Epoch (timestamp), ovvero il numero

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Microsoft continua ad abbracciare il mondo *nix sempre di più, e dopo le ultime statistiche di Azure rilasciate (comprensive dell’annuncio di una nuova immagine Linux-based presente nello store), il porting ufficiale di .NET su Linux ed il rilascio di tool specifici per i container su Kubernetes, è la volta di rendere l’utilizzo di Azure un pochino più console-friendly.

E’ stato quindi aperto a tutti gli utenti della piattaforma di Microsoft la disponibilità

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Anzitutto, installiamo il pacchetto groff sudo apt-get install groff E poi basta scrivere $ man --html=x-www-browser + [nome pacchetto] Esempio: man --html=x-www-browser ls Per evitare di scrivere ogni volta la riga di comando di cui sopra, creiamo un alias, che chiamiamo bman (browser man) alias bman='man --html=x-www-browser' A questo punto, per leggere il man di ls nel browser,

Leggi il contenuto originale su LUBIT LINUX

OpenSUSE, la distribuzione del camaleonte, arriva su Windows 10 sfruttando il Windows Subsystem for Linux. Questo strumento era stato introdotto qualche mese fa e offriva Bash insieme a un ambiente Ubuntu.

Per chi non lo sapesse, da qualche mese a questa parte Microsoft ha aggiunto a Windows 10 un sistema per eseguire un ambiente Bash. Benchè il nome parli di Linux, il nostro kernel preferito non è in realtà presente. Lo strumento

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Se abbiamo usato il terminale almeno una volta nella vita sappiamo, quasi per certo, che il comando usato per cancellare file, cartelle e quant’altro è il comando rm. Ciò che tuttavia passa inosservato, almeno finché non ci si ritrova letteralmente fregati, è che il comando rm elimina i file senza nessuna pietà.

Per impostazione predefinita esso non mostra nessuna richiesta di conferma e, silenziosamente, fa esattamente ciò per cui è stato progettato: eliminare un file.

Leggi il contenuto originale su Linux – ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia

Pwgen genera password casuali, senza significato ma pronunciabili. O quasi :) Consente di creare password in vario modo, di diversa lunghezza e con un set di caratteri normale o con caratteri speciali. Per installarlo $ sudo apt-get install pwgen Per creare una pw alfanumerica: $ pwgen -s -1 Per creare una pw alfanumerica, con la scelta del numero di caratteri (nel nostro caso 12) $

Leggi il contenuto originale su LUBIT LINUX

Chi usa Linux, in particolare chi usa il terminale di Linux, si sarà imbattuto almeno una volta nella sua vita nel carattere ~ (altresì noto come “tilde”): utilizzarlo all’interno di qualsiasi comando bash significa automaticamente riferirsi alla propria directory home (di solito /home/nomeutente) su qualsiasi partizione essa si trovi, senza possibilità d’errore.

Ad esempio, grazie al comando

cd ~

saremo immediatamente condotti alla nostra directory home o, ancora, il comando

ls ~

ci mostrerà in output tutti i file e

Leggi il contenuto originale su Linux – Chimera Revo – News, guide e recensioni sul Mondo della tecnologia

In breve: l’introduzione su Windows della bash da parte della strana coppia Canonical & Microsoft ha fatto molto rumore, qualcuno fa notare che potrebbero esserci rischi legati alla sicurezza…

La notizia che Microsoft, con l’aiuto di Canonical, avrebbe portato la Bash su Windows è ormai vecchia, ve ne avevamo parlato in anteprima qui il 31 Marzo scorso. Vi abbiamo anche preparato una guida per abilitare e provare la bash su Windows.

Alcuni esperti

Leggi il contenuto originale su Lffl.org