Nell’articolo di oggi vi spiegherò i passaggi necessari per installare una macchina virtuale con VMWare. Come sistema host utilizzerò Windows e come guest Linux Mint Debian Edition. È possibile, ovviamente, utilizzare qualsiasi altra distribuzione GNU/Linux.

VMWare: la configurazione di base

In questa guida pubblicata qualche giorno fa qui su LFFL, vi avevo mostrato come utilizzare VirtualBox per poter virtualizzare in Windows una qualsiasi distribuzione GNU/Linux. Oggi, invece, vi spiegherò i passaggi da seguire

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Dopo avervi parlato di Aurora Store, che permette di accedere al Play Store senza account Google, oggi vi presento due alternative open source a Gmail per il robottino verde. FaireMail e K-9 Mail sono due client di posta elettronica che è possibile scaricare anche da F-Droid, lo store che distribuisce solo software free e open source per Android.

Android: migrare a software FOSS

Di recente ho deciso di non utilizzare più i servizi

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Se c’è un dato a cui far riferimento quando si parla di SUSE questo è certamente il fatto che l’azienda non ha mai avuto timori di cambiar proprietario. È già successo in effetti, l’ultima acquisizione in ordine di tempo è stata quella da parte del gruppo svedese EQT, nel luglio del 2018. Il precedente proprietario…
Read more

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Linux Lite 5.2

by ice00 on

Linux Lite Linux Lite è una distribuzione Linux per i principianti basata su Ubuntu LTS e utilizzante il desktop manager Xfce per mantenere l’ambiente leggero. Versione 5.2 Questa versione contiene (in Inglese): Kernel: 5.4.0-52 ( custom kernels also available via our Repository for versions 3.13 – 5.9 ) Firefox: 82.0 Thunderbird: 68.10.0 LibreOffice: 6.4.6.2 VLC: […]

The post Linux Lite 5.2 first appeared on Blog di eeepc901.

Leggi il contenuto originale su Blog di eeepc901

Barry Kauler, volto noto nel panorama open source per aver lanciato Puppy Linux e Quirky Linux, ha annunciato EasyOS 2.5. EasyOS, attualmente in fase sperimentale, prende spunto proprio dalle prime due creazioni di Kauler e utilizza molti dei pacchetti alla base di Puppy. Questa nuova point release della serie 2.0 “Buster” arriva a circa 3 mesi dalla precedente (v2.4) che è stata un po’ travagliata a causa di due bug che

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

ASUS ha presentato Tinker Board 2 e 2S, i suoi nuovi SBC progettati per sfidare Raspberry Pi. Con l’enorme progresso dell’informatica negli ultimi anni, i PC sono diventati sempre più piccoli, grazie anche all’enorme efficienza raggiunta nel segmento dei chip. Oggigiorno, un intero PC può assumere le dimensioni del palmo di una mano e Raspberry è sicuramente pioniere di questa evoluzione.

Asus Tinker Board 2 e 2S

ASUS, ecco i nuovi SBC Tinker Board per rubare la scena a Raspberry Pi

Tinker Board 2 e 2S montano

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Il team di XFCE, contestualmente al rilascio di XFCE 4.14 avvenuto ad agosto 2019, aveva promesso un ciclo di sviluppo più breve per la versione successiva (4.16) che avrebbe dovuto essere pronta ad inizio 2020. Probabilmente metteremo le mani su Xfce 4.16 a dicembre o, al più tardi, a inizio 2021. Considerando che lo sviluppo della versione 4.14 ha richiesto 4 anni e mezzo non sta andando poi così male. La

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Una nuova versione del window manager Regolith è disponibile per il download. Regolith Desktop 1.5 introduce, tra le altre cose, il pieno supporto per Ubuntu 20.10.

Cos’è Regolith Desktop e perché provarlo

Regolith è un desktop environment i3-based abbastanza conosciuto nel panorama GNU/Linux. La sua popolarità deriva anche dall’omonima distribuzione Ubuntu-based che, ovviamente, ha Regolith Desktop come DE di default. Chi non ha familiarità con Regolith deve sapere che provarlo con il giusto

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom

Linux Foundation, Cisco, IBM, Red Hat, VMware, Akamai, Cloud Native Computing Foundation e altri big del settore tech hanno tolto il velo ad una nuova iniziativa chiamata “Inclusive Naming Initiative“. Il progetto nasce per aiutare le aziende a rimuovere ogni tipo di linguaggio con sfumature poco chiare e sostituirlo con un insieme concordato di termini neutri. L’obiettivo è avere una naming convention chiara e certificata entro la fine del 2021.

Seppur in

Leggi il contenuto originale su Linux Freedom