Ubuntu

Oggi una mini-guida per disattivare in Ubuntu e derivate la sospensione del notebook alla chiusura dello schermo (detto anche sportello o coperchio).

La funzione che permette di far rimanere il computer acceso quando si abbassa lo schermo è integrata in Windows, ma potrebbe essere non presente nelle impostazioni di Ubuntu a seconda della versione o della derivata in uso.
Questa funzionalità può tornare utile in vari casi. Ad esempio se vogliamo utilizzare schermo,

Leggi il contenuto originale su Linux – Pinguini per caso

Sono anni che se ne parla e, con il recente interessa da parte di Canonical nel portare ZFS su Ubuntu, la sensazione era quella di riuscire a vedere, nel breve tempo, il famoso filesystem nato in casa Sun sul nostro amico pinguino in tutto il suo splendore. In questi giorni finalmente il team di Ubuntu…
Read more

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Dell ha annunciato tre nuovi Dell Precision Developer Edition, modelli basati su Ubuntu Linux. Sto parlando del Dell Precision 5540, del Dell Precision 7540, e del Precision 7740.

Questi nuovi modelli vanno a sostituire i precedenti Dell Precision 3530, 5530, 7530 e 7730 che erano stati lanciati l’anno scorso.

Dell Precision 5540, 7540, 7740

Il Precision 5540 è il meno potente nonostante una lineup di tutto rispetto. 7540 e 7740 invece sono veramente molto

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

L’ISO di Ubuntu 19.10 avrà a bordo i driver proprietari (quindi closed source) di NVIDIA.

Vi avevo già informato sull’inizio dello sviluppo di Ubuntu 19.10 e sul relativo codename, che sarà Eoan Ermine. Le prime daily builds sono disponibili da tempo ormai e iniziano ad emergere le prime novità. L’arrivo dei driver closed source NVIDIA è cosa fatta e ufficiale.

Questa aggiunta è una “prima volta” per Ubuntu e potrebbe migliorare drasticamente l’esperienza

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Canonical ha rilasciato un firmware aggiornato per tutte le release di Ubuntu supportate con l’obiettivo di mitigare le falle MDS (Microarchitectural Data Sampling) per alcune CPU di Intel.

A metà maggio Intel ha pubblicato i dettagli riguardanti quattro nuove vulnerabilità scoperte da alcuni ricercatori. Tali falle affliggono diverse CPU dell’azienda che ha prontamente rilasciato un aggiornamento per correggere il problema, aggiornamento che è arrivato subito anche su Ubuntu. Da qualche giorno Canonical

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

È un Mark Shuttleworth in gran spolvero quello che ha parlato con i ragazzi di tfir.io all’interno di un’intervista della quale vi riportiamo il video in fondo a questo articolo.

Principale focus del video l’immancabile questione desktop. Alla domanda specifica sul perché Linux abbia fallito in questo ambito le parole del fondatore di Canonical e papà di Ubuntu sono state chiarissime:

I think the bigger challenge has been that we haven’t invented anything

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Nelle scorse ore sono emersi alcuni dettagli circa un nuovo gruppo di vulnerabilità che affligge le CPU Intel. Sto parlando del Microarchitectural Data Sampling (MDS), quattro tecniche legate alla famosa esecuzione speculativa che è alla base delle falle note come Meltdown&Spectre e alle relative varianti. Meltdown e Spectre per chi non lo ricordasse sono i nomi delle due vulnerabilità scoperte dai ricercatori di Google Project Zero a inizio 2018. Canonical ha

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Il codename per la prossima release di Ubuntu, Ubuntu 19.10, è stato svelato ufficialmente da Canonical: sarà “Eoan Ermine”. Vi avevo già informato sull’inizio dello sviluppo di Ubuntu 19.10, le prime daily builds sono disponibili da diversi giorni. Conoscevamo inoltre la prima parte del codename (Eoan) e la seconda parte si è rivelata essere una di quelle previste.

Stando al Collins Dictionary states Eoan è un aggettivo che significa “of, or relating

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Come da titolo questa è una guida passo passo per cambiare lo username del vostro account su Debian, Ubuntu (e tutte le distro basate su Ubuntu/Debian) e Fedora.

L’obiettivo è modificare (rinominare) il nome utente (e quindi la cartella home dell’utente) e vedere come affrontare potenziali problemi di configurazione dovuti alla modifica dello username. La cosa potrebbe sembrare banale ma in realtà nasconde alcune piccole insidie.

Per semplicità nel corpo dell’articolo userò le

Leggi il contenuto originale su Lffl.org