Ubuntu

Non solo Ubuntu: ecco le novità dei principali Flavors.

E’ già possibile scaricare l’ultima release di Ubuntu Budgie 17.10, Ubuntu MATE 17.10, Kubuntu 17.10, Xubuntu 17.10 e di tutte le altre derivate di Ubuntu, che oggi compie 13 anni. Ognuna di esse introduce diverse novità, alcune grosse migliorie altre ritocchi minori.

Tutte le derivate usano il kernel Linux 4.13, e sbarcano dopo ben 9 mesi di lavoro da parte degli sviluppatori.

Non solo Ubuntu:

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Ubuntu 17.10 Artful Aardvark è stato rilasciato: vediamo come aggiornare il sistema.

Come sapete Ubuntu 17.10 è disponibile da un paio di giorni e offre grosse novità e migliorie: un nuovo desktop environment un nuovo display server, un nuovo display manager, un nuovo kernel, un nuovo… beh insomma avete capito!

Nell’articolo vi verrà spiegato come aggiornare da Ubuntu 17.04 o da Ubuntu 16.04 a Ubuntu 17.10.

[GUIDA] Ecco come aggiornare il sistema a Ubuntu

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Ubuntu 17.10 cosa installare per completarlo

In questa piccola guida troverete una serie di trucchi e consigli su cosa installare sulla vostra Ubuntu 17.10 per renderla più completa per l'uso di tutti i giorni.

Prima di procedere con la guida facciamo il punto della situazione e vediamo quali sono i programmi che troviamo preinstallati su Ubuntu 17.10:
  • Firefox
  • Thunderbird
  • LibreOffice in versione quasi completa (manca LibreOffice Base)
  • Gedit
  • Evince
  • Cheese per la gestione della web cam
  • Rhytmbox
  • Video (il visualizzatore di

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Canonical ha rilasciato Ubuntu 17.10 Artful Aardvark: GNOME sostituisce Unity.

E’ disponibile una nuova versione della più popolare distribuzione GNU/Linux: Ubuntu Artful Aardvark è finalmente pronto.

Ubuntu 17.10 è una short term release che introduce diverse novità importanti, la maggior parte delle quali sono state annunciate durante lo sviluppo. Oltre al nuovo desktop abbiamo un nuovo display server e diverse migliorie all’interfaccia utente che tentano di migliorare l’esperienza utente.

Ufficialmente disponibile Ubuntu 17.10 Artful

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Dopo Ubuntu anche Debian, Fedora, Arch e Elementary OS sono state patchate contro il bug che affliggeva il WPA2.

Come probabilmente già sapete è stata scoperta una grossa falla nel protocollo di handshake del WPA2.

Le vulnerabilità riguardano la gestione delle chiavi nel 4-way handshake del protocollo di sicurezza Wi-Fi Protected Access (WPA2). L’exploit di queste vulnerabilità può rendere possibile la decrittografia, il replay dei pacchetti, l’hijacking della connessione TCP, l’iniezione di contenuti

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Canonical è stata tempestiva e ha fixato i problemi riguardati wpa_supplicant e hostapd.

E’ tutto ieri che se ne parla. L’abbiamo fatto anche qui su LFFL con un articolo dedicato. Il protocollo di crittografia WPA2, usato per la protezione delle reti Wi-Fi di tutto il mondo, è stato bucato.

La vulnerabilità è stata scoperta da Mathy Vanhoef e riguarda  la gestione delle chiavi nel 4-way handshake del protocollo di sicurezza Wi-Fi Protected Access

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Canonical ha rilasciato l'aggiornamento di sicurezza USN-3455-1 che va a risolvere la vulnerabilità riscontrata nel protocollo di sicurezza WPA2 e che coinvolte wpa_supplicant e hostapd, vulnerabilità di cui vi avevo parlato quest'oggi nel post Violato il protocollo di crittografia WPA2.
I sistemi Ubuntu coinvolti da questo aggiornamento sono
  • Ubuntu 17.04
  • Ubuntu 16.04 LTS
  • Ubuntu 14.04 LTS
Per aggiornare il vostro sistema vi basterà applicare gli aggiornamenti proposti o dare da terminale

sudo apt update && sudo apt dist-upgrade

Leggi il contenuto originale su Marco's Box


La settimana scorsa ho avuto l'onore di essere ospitato dagli amici del LUG VI, per una serata sul tema "La svolta del desktop di Ubuntu, la distribuzione Linux più popolare".
Come sapete recentemente Ubuntu - per bocca del suo fondatore Mark Shuttleworth - ha scelto di abbandonare lo sviluppo di Unity, il proprio ambiente desktop, a favore di GNOME Shell, l’interfaccia predefinita di GNOME. Il nuovo volto di Ubuntu sarà visibile fin

Leggi il contenuto originale su Dario Cavedon (iced)

Ubuntu 17.10, ormai prossima al rilascio ufficiale, usa Wayland come sessione predefinita (ma è disponibile anche la sessione con Xorg). È stato segnalato un piccolo problema con le applicazioni grafiche che devono essere lanciate con i privilegi di amministrazione (con Sudo, Gksu o direttamente come Root). Infatti programmi come il Gestore Pacchetti, Grub Customizer e Gparted, che chiedono la password all’avvio, non si aprono. Lanciandoli con gksu può essere notificato l’errore Failed to run [nome-programma]

Leggi il contenuto originale su Linux – Pinguini per caso

Lo scorso anno una delle novità di Ubuntu 16.04 LTS è stata l’introduzione del comando apt. In realtà una versione precedente di apt è stata rilasciata nel 2014, ma ce ne siamo accorti tutti solo quando ci è stato detto di usare apt install nome-pacchetto al posto di apt-get install nome-pacchetto, modus operandi a cui eravamo abituati. Vi potreste chiedere qual è la differenza fra i comandi apt-get e apt. O anche: che necessità

Leggi il contenuto originale su Linux – Pinguini per caso