software

Mozilla ha annunciato Firefox 66 per Linux, Android, Windows e macOS. L’edizione sessantasei del browser arriva circa un mese e mezzo dopo la precedente, Firefox 65.

Firefox 66 è la prima release che nasconde la system title bar di default quando si opera su un sistema con il desktop environment GNOME (a proposito, è stato da poco rilasciato GNOME 3.32!). A beneficiarne è l’aspetto del browser.

Mozilla con questa release punta a rendere meno

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Ci sono tantissime distribuzioni Linux tra cui poter scegliere ma poche sono belle come Deepin. Anche se non la uso regolarmente, riconosco la bellezza di deepin… poche distro mi piacciono così tanto. Alcune persone si rifiutano di usarla perché la distribuzione è cinese… Su questo punto mi astengo dal commentare e lascio a voi le discussioni. Sicuramente dopo il “caso Huawei” questo sentimento anti-Cina è più forte che mai.

Deepin si è

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Dopo diversi articoli incentrati su GNOME 3.32 finalmente la nuova versione del desktop environment è disponibile. Dopo oltre sei mesi di sviluppo posso dire che gli sviluppatori hanno fatto un ottimo lavoro.

Nuove funzionalità, nuovo tema GTK, un nuovo stile con un set di icone aggiornato, miglioramenti delle prestazioni: GNOME 3.32 è questo e tanto altro. Il desktop environment è più leggero e moderno: vediamo tutti i dettagli.

GNOME 3.32: bello e veloce

Il

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

In questi anni gli sviluppatori del Kernel Linux hanno lavorato molto per cercare di ridurre i consumi energetici e quindi aumentare l’autonomia dei pc portatili. TLP è un progetto che va a migliorare i consumi energetici del nostro pc portatile operando sulle varie frequenze del processore, imponendo una migliore gestione delle performance su pc multi core oltre ad agire su alcuni componenti come scheda Wi-Fi, hard disk, PCI Express, unità ottiche

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Una nuova versione dell’audio editor open-source è ufficialmente disponibile per il download: diamo uno sguardo ad Audacity 2.3.1.

Per chi non lo sapesse ricordo che Audacity è un software di editing audio multitraccia e multipiattaforma, distribuito sotto la GNU General Public License. Il programma di base permette la registrazione di audio multitraccia, la loro modifica e il relativo mixaggio, inoltre grazie a plugin già inclusi è possibile intervenire su diversi parametri tra

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

DXVK, Vulkan-based translation layer per Direct3D 11 e 10, ha raggiunto la versione 1.0 che include migliorie dal punto di vista prestazionale per diversi giochi e un nuovo setup script.

DXVK vi permette di lanciare giochi e applicazioni basate su Direct 3D 11/10 3D su Linux grazie a Wine (giunto di recente alla versione 4.0). Per usare DXVK, oltre a Wine e Vulkan, vi servirà, ovviamente, una GPU compatibile con Vulkan.

DXVK

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Nvidia ha rilasciato i nuovi driver per GNU/Linux, FreeBSD e Solaris con supporto per nuove schede video tra cui la nuova uscita GTX 1660 Ti.

I driver Nvidia 418.43 sono già disponibili per il download in questo momento. Oltre alla GTX 1660 Ti è presente il supporto per la scheda Nvidia GeForce RTX 2070 e per la Nvidia GeForce RTX 2080. I proprietari di queste schede video dovranno aggiornare i driver per

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

The GNOME Project ha rilasciato la beta 2 di GNOME 3.32.

GNOME 3.32 beta 2 arriva due settimane dopo la beta 1 per permettere agli early adopters di scovare quanti più bug posibile prima della Release Candidate (che arriverà il 6 Marzo) e della final release, attesa per il 13 Marzo. D’ora in avanti il codice è in String Freeze: non saranno aggiunte nuove funzionalità ma ci si concentrerà solo sul bug

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Public Money, Public Code

Denaro pubblico, codice pubblico

Un concetto talmente banale che non dovrebbe nemmeno essere spiegato, ma, come sappiamo, la realtà è molto complicata.

Sintetizzando il pensiero in maniera molto semplice: visto che è il pubblico a pagare le tasse che finanziano lo sviluppo, allora il pubblico dovrebbe poter accedere al codice del software che, seppure indirettamente, ha pagato.

La Free Software Foundation europea ha creato a questo scopo il sito https://publiccode.eu/ che

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!