opensource

Sono diversi anni che ormai seguiamo l’evoluzione dell’Open Source Hardware Association e poco meno di un mese fa raccontavamo di come l’associazione avesse creato il certification logo, atto a dimostrare che l’hardware in questione rispettasse i dogmi imposti in fatto di apertura delle specifiche.

Ebbene, in questo articolo apparso sul blog della OSHWA viene raccontato come, per la prima volta nella storia del programma di certificazione Open Source Hardware, sia stata revocata

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Red Hat ha presentato il video “Road to A.I., parte della serie “Open Source Stories“, nel quale viene analizzato lo stato attuale degli studi A.I. e soprattutto come questi siano guidati nella totalità da software open-source.

La rassegna a cui il film è stato iscritto si chiama “Real to Reel International Film Festival” ed è così descritta:

The mission of the Real to Reel International Film Festival is to offer a forum for

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Red Hat ha reso disponibile uno strumento di analisi in grado di identificare potenziali attacchi volti a sfruttare la arcinota vulnerabilità Spectre (precisamente la variante 1 di Spectre) all’interno di file binari.

La modalità con cui l’eseguibile può essere invocato è semplice:

x86_64-scanner vmlinux --start-address=0xffffffff81700001

ed il risultato potrà essere un rassicurante:

X86 Scanner: No sequences found.

O un ben più preoccupante esito positivo:

X86 Scanner: Possible sequence found, based on a starting address of 0:.
X86 Scanner:

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Lo scorso marzo abbiamo riportato la notizia dell’intorduzione della certificazione 2.0 dell’OpenSource Hardware Association (OSHWA), sottolineando come i progressi mossi dall’associazione fossero tangibili e ben promettenti. Ebbene, oggi siamo a riportare la notizia relativa ad un nuovo tassello aggiunto a questo progetto: la presentazione ufficiale del logo.

Certo, potrebbe sembrare una notizia di rilevanza relativa, ma in realtà non è così. Infatti il logo è diventato un registered trademark, ossia è stato

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

La notizia mi ha riportata direttamente nei primissimi anni 2000 quando (ogni tanto e di nascosto) riuscivo a recuperare qualche copia di $notarivistainformatica con in allegato CD con vari software e tra le costanti c’era sempre un nome: Eudora.

Eudora è stato un client di posta sviluppato da Steve Dorner presso l’Università dell’Illinois e rilasciato per la prima volta nel 1988 per Apple Mac.

Nel 1991 Qualcomm acquisì Eudora assumendo Dorner per continuarne

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Ogni anno analizziamo e confrontiamo i resoconti relativi alle richieste di lavoro nell’ambito Linux ed open-source. I dati sono da sempre piuttosto confortanti e dimostrano essenzialmente due cose:

  1. Avere delle competenze generiche oggi giorno è limitante, molto meglio scegliere di specializzarsi in ambiti precisi. Non basta più dire “sono un informatico”, ma nella ricerca di un lavoro poter aggiungere “ho lavorato al progetto open-source X e contribuito al progetto Linux Y” è

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

La recente acquisizione di GitHub da parte di Microsoft ha generato dissenso tra molti sviluppatori che vedono questa mossa come quella che porterà alla morte una piattaforma finora portata avanti dalla community; GitHub attualmente ospita il codice oltre 28 milioni di sviluppatori in 85 milioni di repository che possono essere ampliate o integrate in altri progetti, e molte di queste persone si sentono come minacciate dall’avere il loro amato codice in

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Non è segreto che sotto il cofano delle automobili Tesla, così come in quello di parecchi altri produttori, si celi il nostro amico pinguino, incaricato di parecchie cose, dalla mera gestione dell’infotainment, fino ai display digitali ed HUD.

E l’azienda automobilistica di Elon Musk è già stata redarguita in passato per via del fatto che non rilasciava i sorgenti; nel 2013 la SFC (Software Freedom Conservancy) aveva contattato Tesla per avvisare di

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Facebook non è nuova, come anche altri big di Internet, a rilasciare applicazioni che ha sviluppato per necessità interne in open source.

Che sia software, o hardware, Facebook sembra sempre molto aperta a rilasciare codice, e ne è dimostrazione il rilascio in questi giorni di Katran, un bilanciatore network da lei sviluppato.

In pratica, come lungamente raccontato nell’articolo di presentazione pubblicato da Facebook stesso, Katran è un bilanciatore layer 4 (nella pila ISO/OSI), ovvero si occupa

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Il premio Women in OpenSource Community 2018 è andato a Dana Lewis, una donna malata di diabete di tipo 1 su cui i dispositivi medici in commercio non stavano funzionando. Infatti l’allarme del dispositivo di monitor di glucosio (GCM) non era abbastanza alto da vegliarla, costringendola sostanzialmente a rischiare ogni volta che prendeva sonno.

Sentendosi rispondere dai produttori che il volume del dispositivo era adeguato per la maggioranza delle persone, Dana si

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!