kubernetes

Kubernetes è uno strumento di gestione (orchestrazione) di container che consente l’amministrazione di gruppi di container dislocati anche su più server. Esistono tecnologie simili a Kubernetes, ma esso è diventato un riferimento di mercato e uno dei prodotti meglio documentati e semplici da utilizzare. Kubernetes si avvale di Docker, e per questo motivo, prima di installare Kubernetes è conveniente installare Docker CE (Community Edition). La distribuzione GNU/Linux scelta per questo tutorial

Leggi il contenuto originale su linux – valent

Avete sempre avuto voglia di testare Kubernetes ma le vostre risorse sono sempre state ridotte? Non sapete cosa sia Kubernetes e vi piacerebbe vederlo all’opera in pochi secondi, magari localmente sul vostro laptop? Esiste un pacchetto per voi, si chiama MicroK8s.

MicroK8s è appunto una micro distribuzione di Kubernets disponibile sotto forma di pacchetto Snap e fornito nientemeno che da Canonical, l’azienda di Ubuntu, che l’ha presentato al mondo la scorsa settimana.

Installare MicroK8s

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Presentiamo gli attori coinvolti: Kubernetes (ancora non lo conoscete?) attualmente il re dei container orchestrator; seppur non sia l’unico attore in questo campo è sicuramente il più utilizzato. OpenShift, un prodotto Red Hat che ha Kubernetes come parte centrale, e su cui l’azienda ha costruito intorno una serie di capacità accessorie; se Kubernetes viene ancora utilizzato per orchestrare i container nella propria infrastruttura OpenShift, semplificando potremmo dire che quest’ultimo si occupa

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Che VMWare sia il primo player di virtualizzazione sul mercato è risaputo da tempo, così come risaputo è l’interesse della stessa azienda nei confronti dell’ambito cloud, naturale punto di arrivo delle tecnologie ad oggi implementate dalla sussidiaria di Dell (sì, VMware venne comprata a suo tempo da EMC che poi divenne Dell EMC).

All’interno del mercato attuale, dominato dall’affair IBM/Red Hat di cui abbiamo tanto parlato, un’acquisizione come quella resa nota da

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Durante la settimana scorsa Google ha annunciato un rifacimento ed un’estensione della sua piattaforma Cloud Launcer. Per chi non la conoscesse, questo sistema permette di scaricare sia software che interi stack applicativi da eseguire sul loro sistema cloud.

Con il nuovo rebrand prenderà il nome di Google Cloud Platform Marketplace, ed abbreviato in “GCP Marketplate”; l’offerta di Google continuerà ad ampliarsi ed introducendo soluzioni production-ready commerciali basate su Kubernetes, promettendo semplificazioni di

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Messaggio a tutti i reticenti nell’accettare il fatto che Kubernetes (e i container) siano la tecnologia del momento: questo trend non è destinato a scomparire a breve. Basta scorrere le notizie quotidiane in ambito informatico e ci si imbatte in qualche nuovo annuncio, prodotto o strategia che aziende del settore propongono ed incentrano sui container e su Kubernetes.

Partiamo da Cisco, che ha introdotto il supporto a Kubernetes all’interno dei suoi prodotti

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

In un recente post sul blog di Windows Server, Microsoft ha annunciato Windows Server 2019 e per gli utenti Linux sono solo buone notizie.

Gli ambiti principali in cui vengono descritti i miglioramenti sono i seguenti:

  • Hybrid cloud scenarios: integrazione completa dei diversi progetti all’interno del contesto Azure;
  • Security: le shielded virtual machines, speciali VM il cui accesso è consentito solamente attraverso le così dette guarded fabric (interfacce sicure specifiche), introdotte con Windows Server

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Durante l’Open Source Leadership Summit (OSLS) la Cloud Native Computing Foundation (CNCF), che supporta e integra tecnologie Cloud native OpenSource insieme a Chen Goldberg, direttore tecnico di Google Cloud, ha annunciato che Kubernetes è il primo progetto a potersi fregiare del titolo CNCF.

Sì, si può dire che Kubernetes si sia laureato. Infatti controllando i criteri di assegnamento del titolo si fa in fretta a capire come la lista sia piuttosto cospicua.

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Con l’aggiornamento a Kubernetes 1.9 di questi giorni, diverse sono state le novità introdotte dal famoso (ed oramai standard de-facto) orchestrator di container.

Le novità che sicuramente possiamo utilizzare fin da subito riguardano l’aggiunta delle Apps Workloads API, delle interfacce che -raggruppando insieme features già presenti- forniscono una gestione dei carichi di lavoro nel lungo periodo, siano essi stateless (senza necessità di mantenere lo stato nel tempo), che stateful (mantenendolo).

Oltre a questo

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!