Guide

Una delle funzioni più interessanti della bash è quella di poter creare degli alias della shell ovvero dei comandi personalizzati per eseguire sequenze di comandi difficili da ricordare o trascrivere.

Come funziona un alias

La sintassi del comando alias è la seguente:

alias nomealias='comando'

Facciamo un esempio

Supponiamo, ad esempio, di voler creare un alias che ci lanci in sequenza i comandi

pkcon refresh && pkcon update

e di voler chiamare l'alias aggiornamento

Il nostro comando sarà dunque

alias aggiornamento='pkcon

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

A partire dal rilascio di KDE Applications 17.04 gli sviluppatori di Dolphin hanno rimosso la possibilità di eseguire Dolphin come utente root.
Questa scelta da parte degli sviluppatori è stata fatta per motivi di sicurezza (qui trovate i dettagli).

A seguito di questa decisione alcune distribuzioni Linux (ad esempio openSUSE) hanno deciso di spedire la loro versione di KDE con una versione patchata di Dolphin con patch che consente agli utenti di continuare a

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

In questo articolo vediamo come scoprire tutti i pacchetti installati, aggiornati o rimossi dal vostro sistema. La guida, che si basa sull’uso della command line, è valida per Ubuntu, Linux Mint e Debian (e probabilmente per la maggior parte delle derivate).

L’obiettivo è accedere alla storia del vostro sistema, ovvero alla lista dei pacchetti DEB che avete installato / aggiornato / rimosso, compresa la data in cui l’avete fatto. Per farlo su

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Nonostante OpenJDK 11 sia l’ultima long-term release è attualmente disponibile solo su Ubuntu 18.10 (e superiori). Vediamo come installare OpenJDK 11 su Ubuntu 18.04, 16.04 o 14.04 e su Linux Mint 19.*, 18.* e 17.*. Per chi non lo sapesse OpenJDK è una implementazione libera della piattaforma Java, edizione standard. L’implementazione è sotto licenza GNU GPL con GPL linking exception.

OpenJDK su Ubuntu e Linux Mint

Gli utenti di Ubuntu 18.04 e Linux

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Il team di KDE è lavora sempre su più fronti aggiornando regolarmente anche le icone di sistema. Può capitare, a seguito dell'aggiornamento, di non visualizzare subito le icone. Risolvere questo problema è facilissimo, basta cancellare la cache delle icone di KDE.
Come fare? Semplice. Apriamo il terminale e digitiamo

rm ~/.cache/icon-cache.kcache

In questo modo verrà cancellato la cache delle icone di KDE e potremo gustarci subito le nuove icone.

Leggi il contenuto originale su Marco's Box



Introduzione

Fedora è una distribuzione estremamente fluida e molto ben costruita. Ma basta poco per accorgersi che il tutto è davvero ridotto all'osso. Niente codec per la riproduzione dei media (a lavorare senza musica non se ne parla), niente driver proprietari per le schede di rete wifi, nemmeno i tasti massimizza e minimizza per le finestre sono disponibili di default. Vedremo ora come completarla per un utilizzo quotidiano.


Installazione di RPM Fusion e

Leggi il contenuto originale su Marco's Box


Il tearing video, specie con i driver NVIDIA, è un problema di vecchia data in ambiente Linux. Nel corso degli anni la situazione è nettamente migliorata, e con GNOME il problema è quasi del tutto scomparso. Quasi perché nel mio caso il problema continuava a presentarsi nella riproduzione di video a tutto schermo con Totem/Video, il riproduttore video di default di GNOME.
Fino ad ora ho sempre ignorato il problema e risolto

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Dopo il rilascio di Linux Mint 19.1 avvenuto qualche giorno fa, il team di Linux Mint ha comunicato l'arrivo dell'aggiornamento di versione da Linux Mint 19 a Linux Mint 19.1.
Come sempre l'aggiornamento può essere avviato dal Gestore di Aggiornamenti selezionando l'apposita voce.


Prima di procedere all'aggiornamento il team di Linux Mint consiglia di effettuare tutti gli update di sistema (compresi gli aggiornamenti di eventuali applet di terze parti), creare uno snapshot di sistema

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Quando installate un display manager su una distribuzione GNU/Linux vi viene richiesto di scegliere quale preferite impostare di default. Se però poi cambiate idea? Vediamo in questa semplice guida per neofiti come modificare questa scelta e cambiare il display manager impostato.

Il display manager (anche noto col nome ‘login manager’) è un software che gestice il login dell’utente e i graphical display servers. Vediamo in breve come cambiare display manager, ad esempio

Leggi il contenuto originale su Lffl.org