fedora


Brutte notizie per gli amanti di Fedora LXQt che presto potrebbero rimanere orfani di distro.
Fedora LXQt rischia infatti di essere abbandonata se non si riescono a trovare nuovi packager per mantenere aggiornato LXQt su Fedora.

Già ora gli utenti Fedora LXQt avranno notato i primi problemi in quanto Fedora offre attualmente una versione datata di LXQt: attualmente nei repository di Fedora è presente la versione 0.11 mentre adesso siamo alla 0.13.

Fedora ha bisogno di aiuto per continuare a supportare LXQt

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Le tante novità che verranno introdotte in Fedora 29 non smettono di far discutere la community: prima il menu di GRUB che svanisce, poi la controversa proposta del i686 is for x86_64, ovvero il buildare pacchetti i686 con il supporto SSE2 per utilizzarli su sistemi x86_64 come RPM multi-lib… ed ora PATH!

Sì, l’infuocata community di fedoristi si sta scontrando per una nuova modifica, tra l’altro già approvata dalla FESCo (Fedora Engineering

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Red Hat ha acquisito CoreOS ad inizio anno ma fino a maggio non aveva ufficializzato i suoi piani su come includere CoreOS e le sue tecnologie nella propria offerta.

Oggi Mattthew Miller, a capo del Fedora Project, ha annunciato Fedora CoreOS, una notizia molto importante per la community e per Red Hat stessa visto che questo progetto servirà come base per le future release di Red Hat CoreOS.

Fedora CoreOS si baserà ovviamente

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Cosa succede quando uno sviluppatore di Fedora (Hans de Goede) decide di migliorare l’esperienza di boot di Fedora rimuovendo la schermata di GRUB, esattamente come hanno fatto tutte le altre distribuzioni da tantissimo tempo?

Succede il finimondo, ecco cosa.

Tutto nasce dal post del buon Hans, all’interno del quale propone la modifica, motivandola con ragionevole piglio. Infatti sarà sufficiente, una volta introdotta la feature, premere il tasto ESC (o F8, come sui sistemi

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Fedora 28

by ice00 on

Fedora Fedora è una distribuzione Linux sponsorizzata da Red Hat ma dallo sviluppo open e totalmente collaborativo con l’obiettivo di creare una distribuzione contenente solo software open source e di utilizzo generale. E’ disponibile con diversi desktop manager anche se Gnome è il principale. Versione 28 Questa versione contiene (in Inglese): What’s new in Fedora […]

Leggi il contenuto originale su Blog di eeepc901

A pochi giorni dal rilascio di Fedora 28, un ricercatore di Google, Felix Wilhelm, ha scovato una falla critica che affligge il client DHCP presente su RedHat e derivate; in questo caso pare solo Fedora.

La falla è stata inserita come CVE-2018-1111 e nei dettagli spiegano:

A command injection flaw was found in the NetworkManager integration script included in the DHCP client packages in Red Hat Enterprise Linux. A malicious DHCP server, or an

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Non succedeva da qualche release ormai ma stavolta la nuova versione di Fedora, la 28, è stata resa disponibile come inizialmente previsto: il 1 maggio.

Che Fedora non sia esattamente una distro per tutti è cosa nota essendo la base di test per le future release di RHEL, ma questa versione sembra cercare di accontentare qualsiasi tipologia di utente.

Come sempre, Fedora viene rilasciata in 3 versioni: Server, Workstation ed Atomic Host. Per

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Nella giornata di ieri gli sviluppatori hanno annunciato Fedora 28. Diretto successore di Fedora 27 Fedora 28 introduce diverse novità importanti. Le varianti sono sempre le solite: Workstation, Server e Atomic Host.

La versione che più ci interessa è quella Workstation, pensata appositamente per i personal computer. Il desktop environment è GNOME 3.28 che, come sappiamo, introduce importanti migliorie rispetto alla versione precedente.

E’ stata introdotta una nuova app chiamata Usage, permette di

Leggi il contenuto originale su Lffl.org


Il team di Fedora ha annunciato il rilascio di Fedora 28. Scopriamo quali sono le principali novità di questo rilascio.

Fedora 28 Server
Fedora 28 Server vede ora l'inclusione del nuovo repository Modular che consente di scegliere fra diverse versioni di software come NodeJS o Django, quindi è possibile scegliere lo stack necessario per il proprio software (maggiori info sull'uso dei moduli in Fedora). Inoltre l'ARM a 64 bit (Aarch64) è l'architettura principale

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Una delle novità più interessanti di Fedora 28 è la possibilità di installare facilmente programmi come Chrome e Steam ma anche driver come quelli NVIDIA grazie ai nuovi repository di terze parti.

Attualmente grazie ai repository di terze parti su Fedora 28 è possibile installare:
  • Google Chrome
  • PyCharm
  • Driver NVIDIA
  • Steam

Abilitare i repository di terze parti per via grafica tramite GNOME Software

Se siete sull'edizione principale di Fedora 28, quella con GNOME, una volta aggiornato il sistema

Leggi il contenuto originale su Marco's Box