debian

The Debian Project ha annunciato attraverso la consueta mailing list che Debian 10 Buster arriverà il prossimo 6 luglio. Salvo imprevisti dell’ultimo minuto tra poco più di una ventina di giorni potremo mettere le mani sulla nuova versione di Debian.

Gli sviluppatori sono al lavoro su Debian 10 da quasi 2 anni: hanno cominciato a Luglio 2017, poche settimane dopo l’arrivo di Debian 9 Stretch. Contemporaneamente lo sviluppo di Stretch è proseguito

Leggi il contenuto originale su Lffl.org


Qualche settimana fa vi avevo parlato dell'intenzione, da parte della Corea del Sud, di migrare a Linux sia sui computer ministeriali che su quelli delle forze armate.

Ora arriva una notizia simile dalla Russia. A quanto pare le forze armate russe stanno lavorando ad un piano per sostituire Windows con Astra Linux, una derivata di Debian sviluppata dalla compagnia russa RusBITech dal 2008.

Astra Linux è stato sviluppato inizialmente per l'utilizzo nel mercato

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Come da titolo questa è una guida passo passo per cambiare lo username del vostro account su Debian, Ubuntu (e tutte le distro basate su Ubuntu/Debian) e Fedora.

L’obiettivo è modificare (rinominare) il nome utente (e quindi la cartella home dell’utente) e vedere come affrontare potenziali problemi di configurazione dovuti alla modifica dello username. La cosa potrebbe sembrare banale ma in realtà nasconde alcune piccole insidie.

Per semplicità nel corpo dell’articolo userò le

Leggi il contenuto originale su Lffl.org


Deepin Technology Community ha annunciato il rilascio di deepin 15.10, la nuova major release della famosa (e a volte contestata) distro cinese.
Vediamo quali sono le principali novità di questo rilascio:
  • Basata su Debian Stable: questo consentirà agli utenti di avere aggiornamenti di sistema tempestivi e una migliore stabilità del sistema.
  • KWin è il nuovo window manager di default: grazie a questo deepin consumerà meno memoria e offrirà performance migliori
  • Funzionalità di unione automatica dei

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

The Debian Project ha annunciato la nona point release per l’ultima versione stabile di Stretch. Debian 9.9 “Stretch” arriva un paio di mesi e mezzo dopo Debian 9.8 e mette a disposizione degli utenti nuove ISO con diversi aggiornamenti, migliorie e un importante lavoro di bug fixing. Sono stati aggiornati tantissimi packages. Tante le edizioni disponibili, ben 6: KDE Plasma, GNOME, Xfce, LXDE, MATE e Cinnamon.

Leggi anche: [GUIDA] Vediamo come eseguire

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Dopo i recenti problemi in fase di nomina dei candidati al ruolo di Debian Project Leader e tutte le discussioni sull’effettivo stato di salute del progetto, sono disponibili i risultati delle votazioni che hanno incoronato Sam Hartman nuovo DPL.

Hartman è un Debianista di lungo corso, nella sua biografia spiega di essersi aggregato al progetto nel 2000 e di aver sempre lavorato da allora come sviluppatore in seno al progetto, mentre svolgeva

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Le date di uscita delle release di Debian, non sono mai state certe. Infatti la distribuzione che è alla base di numerose altre (Ubuntu su tutte) punta tutto sulla qualità: il software che esce magari non è l’ultima release disponibile, ma è certamente la più stabile al momento della pubblicazione.

La prossima release di Debian sarà la 10, battezzata Buster, come il cane della serie Toy Story (le release di Debian sono

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Sebbene non direttamente correlata alla notizia che abbiamo riportato la scorsa settimana, quanto recentemente salito agli onori della cronaca in merito all’elezione del DPL, il Debian Project Leader (di fatto colui il quale guida la direzione tecnica dell’intero progetto), mostra inusuali ed ulteriori crepe all’interno del progetto.

Ricordiamo come l’elezione del DPL sia un processo democratico che avviene all’interno del progetto Debian e prevede una candidatura, una campagna ed infine un voto.

Bene,

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!


Google ha appena annunciato, durante la Game Developers Conference 2019 (GDC 2019), Stadia, il suo nuovo servizio di gaming in streaming interamente basato sul cloud.


Grazie a Stadia gli utenti potranno giocare su qualsiasi dispositivo, inclusi laptop, computer desktop e telefoni e tablet selezionati. A seconda della propria linea internet si potrà giocare fino a 4K HDR a 60 f/s (ed in programma si parla di 8K a 120 f/s).

Essendo un servizio

Leggi il contenuto originale su Marco's Box