Debian, annunciate le prossime release: si parte con Debian 10 ‘Buster’

Debian è certamente una delle distribuzioni GNU/Linux più amate. Stabile, sicura, affidabile, insieme a Fedora e Ubuntu vanta una grande community e tante distro derivate. Qualche giorno fa il team di sviluppo ha ufficializzato alcune date chiave per le prossime versioni, vediamo la tabella di marcia nel dettaglio. Debian fa chiarezza sulle prossime release Debian […]

L’articolo Debian, annunciate le prossime release: si parte con Debian 10 ‘Buster’ sembra essere il primo su Lffl.org.

Continue reading »

Annunciati i nuovi nomi per le future release di Debian

A partire dal 12 gennaio 2019 il team di Debian inizierà il processo di avvicinamento al rilascio della prossima release, nominata Buster. Quindi nel pieno rispetto della tradizione ecco che anche il cane di Andy, della serie Toy Story, ha la sua release. Al transition freeze di gennaio seguirà il soft freeze il 12 febbraio per arrivare al full freeze il 12 marzo. Quando verrà rilasciata quindi la versione? A conti fatti ed analizzando il corso seguito dalle precedenti release è presumibile che verso la metà del 2019 Buster sarà ufficialmente tra noi. Ma analizzando la pagina delle release di Debian si possono scoprire altre informazione sui prossimi rilasci previsti dal progetto. Ad esempio già si conosce il nome del successore di Buster, il quale verosimilmente verrà rilasciato nel 2021, che è Bullseye (il cavallo dello sceriffo Woody). Ma le notizie non finiscono qui, scopriamo infatti da Phoronix che è stato deciso anche il nome della versione 12 che uscirà, sempre calcolando le date con un alto grado di approssimazione, nel 2023: Bookworm (il bruco bibliotecario di Toy Story 3). Curiosa la scelta poiché un software dedicato alla lettura degli ebook si chiama allo stesso modo. Per l’annuncio ufficiale di […]

Continue reading »

Slax 9.4.0: tante migliorie e un metodo semplificato per installare le app

Il creatore di Slax Tomas Matejicek ha annunciato nella giornata di ieri l’arrivo e l’immediata disponibilità di Slax 9.4.0. Si tratta di un aggiornamento incrementale della distribuzione Debian-based che introduce alcune importanti migliorie. La novità più importante introdotta in Slax 9.4.0 è un nuovo metodo per installare le app che rende la distro molto beginner-friendly. […]

L’articolo Slax 9.4.0: tante migliorie e un metodo semplificato per installare le app sembra essere il primo su Lffl.org.

Continue reading »

Disponibile Netrunner 18.03 “Idolon” con Plasma 5.12 LTS

Gli sviluppatori della distribuzione Debian-based Netrunner hanno annunciato l’arrivo della prima stable release del 2018. Stiamo parlando di Netrunner 18.03 “Idolon”. Netrunner attualmente offre due branch, Stable e Rolling, quest’ultimo è basato su Arch e offre sempre le ultime novità a scapito della stabilità generale dell’OS. Idolon è invece il diretto successore di Netrunner 17.10 […]

L’articolo Disponibile Netrunner 18.03 “Idolon” con Plasma 5.12 LTS sembra essere il primo su Lffl.org.

Continue reading »

Anche Debian arriva sull’App store di Microsoft

Nella giornata di ieri vi abbiamo ragguagliato circa l’arrivo di Kali Linux su Windows grazie al noto Windows Subsystem for Linux (WSL) funzione integrata nell’OS di Microsoft che permette di avviare una distribuzione GNU/Linux all’interno di Windows 10 senza doverlo virtualizzare o effettuare un dual boot. Oggi possiamo annunciarvi ufficialmente che anche Debian è installabile […]

L’articolo Anche Debian arriva sull’App store di Microsoft sembra essere il primo su Lffl.org.

Continue reading »

Google saluta Ubuntu e da il benvenuto a Debian

E’ arrivata la conferma ufficiale da parte di Google: per i client presenti nell’azienda, Big G ha deciso di abbandonare Goobuntu, sviluppata internamente e basata sul famoso Ubuntu di Canonical, in favore di gLinux, basa sul ramo testing di Debian. Anche in questo caso la decisione di Google è stata quella di prendere un prodotto open source, introdurci delle variazioni – ogni pacchetto di Debian Testing viene preso, ricompilato testato e sistemato, introducendo modifiche o patch, prima di aggiungerlo ai repository utilizzati da gLinux – ed utilizzarlo solo internamente, senza rilasciare alcunchè pubblicamente. Quindi non perdete tempo cercando di scaricare Goobuntu o gLinux, sono di Google e vivranno solo per Google. La parte interessante è che Google ha rilasciato anche un whitepaper in cui mostra le scelte architetturali per la gestione di un parco client così ampio (stiamo parlando di circa un quarto di milione di macchine): viene utilizzato il sistema Puppet in modalità Masterless! Sono quindi i client stessi che scaricano da un punto centralizzato le configurazioni puppet e le applicano in locale sulla macchina. Insieme all’uso di PXE e TFTP per l’installazione via rete di queste immagini. Quindi, grazie a Puppet ed alla combinazione PXE+TFTP, Google è in […]

Continue reading »