arch linux

AUR (Arch User Repository) è un repository community-driven per gli utenti di Arch. Gli utenti di Debian o di Ubuntu possono pensare ad AUR come all’equivalente di un PPA.

Se qualcuno sviluppa un software (o un package) per Arch Linux potrà metterlo a disposizione di tutti mediante AUR. Questo meccanismo, l’avrete capito, consente agli utenti di avere a disposizione una miriade di tool e programmi, molti di più rispetto a quelli installati

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Del malware è stato trovato su AUR (Arch Linux Repository). Il malware è stato caricato nella giornata di sabato 7 luglio 2018 ma, fortunatamente, la minaccia è stata subito neutralizzata dal team che gestisce AUR.

I fatti

Su AUR ci sono diversi repository che non vengono più mantenuti aggiornati da parte dei loro manutentori. Questi repository possono essere rilevati da altri utenti per essere nuovamente aggiornati.
L'utente che utilizzava il nicknamen xeactor ha rilevato

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

La ISO di Luglio di Arch Linux (2018.07.01) introduce ufficialmente il kernel 4.17. E’ la prima ISO di Arch basata sulla versione 4.17 di Linux. Per essere precisi a bordo troverete Linux 4.17.3 visto che la terza point release è stata rilasciata Lunedì scorso.

Mossa necessaria quella degli sviluppatori di Arch visto che il kernel 4.16, dopo ben 18 point release, ha raggiunto l’end of life (EOL) e non sarà ulteriormente sviluppato.

Solo

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Yaourt uno degli AUR helper più popolari non sarà più sviluppato…

AUR (Arch User Repository) è un repository community-driven per gli utenti di Arch. Gli utenti di Debian o di Ubuntu possono pensare ad AUR come all’equivalente di un PPA.

Se qualcuno sviluppa un software (o un package) per Arch Linux potrà metterlo a disposizione di tutti mediante AUR. Questo meccanismo, l’avrete capito, consente agli utenti di avere a disposizione una miriade

Leggi il contenuto originale su Lffl.org

Uno dei problemi più comuni di chi installa Arch Linux e derivate su macchine datate o in virtuale è la dimensione di /tmp troppo piccola. Questo fa si che sia impossibile installare o aggiornare alcuni programmi di grosse dimensioni con yaourt da AUR.

Come risolvere? Il metodo più rapido e semplice è quello di crearci una cartella tmp nella nostra home e dire a yaourt di utilizzare questa nuova cartella. Vediamo come

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Gli sviluppatori di Arch Linux avevano già annunciato l’abbandono dell’architettura 32-bit: oggi è giunta la data fatidica.

Nello scorso mese di Gennaio 2017, precisamente il 25/01, la community di Arch Linux aveva annunciato la decisione di abbandonare ufficialmente il supporto all’architettura i686 (x86 32-bit).

La deadline era stata fissata per il mese di Novembre 2017. Bene, la fatidica data è giunta. A partire dalla giornata di ieri Arch Linuxha ufficialmente abbandonato il supporto all’architettura

Leggi il contenuto originale su Lffl.org


Nello scorso mese di Gennaio 2017 la community di Arch Linux aveva annunciato la decisione di abbandonare ufficialmente il supporto all'architettura i686 (x86 32-bit) e aveva fissato la deadline per il mese di Novembre 2017. Bene, la fatidica data è giunta. A partire dalla giornata di ieri Arch Linux ha ufficialmente abbandonato il supporto all'architettura i686.

A partire dalla fine del mese di Novembre 20017 tutti pacchetti i686 verranno rimossi dai mirrors e

Leggi il contenuto originale su Marco's Box

Linux è sempre stato un sistema operativo in grado di rianimare computer e dispositivi particolarmente obsoleti per la concorrenza ridandogli, spesso e volentieri, nuova vita.

Se però pensiamo alla diffusione dei processori a 64 bit e alla progressiva ed inesorabile diminuzione di quelli a 32, è lecito supporre che prima o poi il supporto ai 32 bit ed alle architetture i686 sparirà dalle varie distribuzioni.

Perché, si sa, dedicare tempo a qualcosa che sta sparendo non è

Leggi il contenuto originale su Linux – ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia

Arch Linux si appresta a dire addio al supporto all'architettura i686 (x86 32-bit). Questo è quanto emerge dalla mailing list di Arch Linux dove è stato annunciato l'abbandono ed è stato delineato il percorso di attuazione.
Due to the decreasing popularity of i686 among the developers and the
community, we have decided to phase out the support of this architecture. The decision means that February ISO will be the last that allows to
install

Leggi il contenuto originale su Marco's Box