Marco Bonfiglio

Questo è stato l’anno dei bug nelle CPU, specialmente nelle x86. Ne abbiamo visto varianti su varianti, tanto che anche noi, talvolta, ne abbiamo perso qualcuno.

Ultima in ordine di tempo è stata L1TF, per cui abbiamo dato notizia delle prime patch. Le patch definitive sono attese nella versione del kernel 4.20, attualmente ancora in fase di sviluppo, insieme alle patch per STIBP, ennesima variante degli attacchi per ottenere informazioni da processi

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

All’indomani dell’annuncio di Torvalds di prendersi del tempo per migliorare il proprio comportamento, la presentazione del Codice di Condotta ha generato delle critiche soprattutto perché ritenuto troppo rigido, con previsto un qualche meccanismo di giudizio e punizione per la sua infrazione. Non a caso, le prime patch presentate riguardavano proprio l’individuazione di un organo giudicante appropriato, invece del proposto comitato tecnico che, francamente, ha un’altra funzione.

Richard Stallman, fondatore del progetto GNU e genitore

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Nella giornata di ieri è stato rilasciato l’attesa – e consueta – release semestrale di Ubuntu, la 18.10. Di fatto rappresenta un aggiornamento di tutto il parco software che costituisce la distribuzione, con le ultimissime versioni. Giusto per fare qualche esempio:

  • Kernel  4.18 (e quindi con anche le varie protezioni per Spectre et similia);
  • GCC versione 8
  • Mesa 18.2
  • X.Org Server 1.20.1
  • OpenSSL 1.1.1
  • OpenJDK 11
  • Gnome 3.30
  • LibreOffice 6.1.2

Non è difficile immaginare che nelle prossime point release verranno ulteriormente aggiornati,

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

A marzo è stato il turno dello scandalo di Facebook, che porta il nome di Cambridge Analytica: i dati di più di 80 milioni di persone erano a disposizione di quella società per fare profili, comparazioni e non si sa cos’altro. E sebbene iscrivendosi a Facebook si permetta l’accesso ad una certa serie di dati, nel caso specifico tale permesso non era stato dato: a tutti gli effetti i dati sono stati rubati.
Lo

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

L’allontanamento volontario di Linus dalla guida del progetto ha creato un terremoto organizzativo – pienamente prevedibile -, insieme alla necessità di nuove soluzioni; molti attriti tra sviluppatori potevano essere risolti sul nascere grazie alla sola presenza del dittatore benevolo: decide lui, punto.
L’introduzione, come ultimo atto, di un CoC (Codice di Condotta) è sembrata a molti un’imposizione, il tracciamento di un perimetro troppo stretto. Va detto che l’oganizzazione piramidale (praticamente il re coi valvassori del

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

L’init è il processo principale del sistema, che si preoccupa di lanciare e monitorare tutti gli altri processi. Storicamente il più diffuso è SysV, derivato dall’init di Unix, ma da qualche anno systemd è diventato de facto lo standard, presente – e scelto come riferimento – da tutte le distribuzioni più comuni.

La limitazione maggiore dei sistemi basati su SysV è la gerarchia dei processi, ovvero la possibilità di poter definire delle dipendenze tra

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Purism ha una missione: fornire tecnologia il più aperta possibile, con solo software opensource. Questo perché, nella loro visione – che condividiamo -, più il software è verificabile e aperto, più è sicuro.

Già realizzato il notebook, e in attesa dello smartphone, è stata annunciata la disponibilità del token hardware: la Librem Key.
La realizzazione è stata portata a termine con il produttore Nitrokey, come annunciato qualche tempo fa, usando come base le

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Dal PocketChip al ben conosciuto RaspberryPi, passando per dispositivi come il Librem 5 di Purism, il nostro interesse per tutti i dispositivi piccoli, economici e portatili è sempre stato evidente; ecco perché l’annuncio degli sviluppatori di KDE ci risulta particolarmente… interessante!

Gli sviluppatori KDE già da qualche tempo rilasciano una distribuzione basata su Ubuntu chiamata Neon, nella quale mettono a disposizione gli ultimi rilasci delle loro applicazioni, KDE stesso compreso. Sì, esiste Kubuntu, ma Neon

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Oramai non passa giorno che non si scoprano bug hardware nei processori: sono i più pericolosi, in quanto l’hardware non può essere aggiustato, o comunque in qualche modo cambiato come il software. Questo spiega la curiosità di molti, anche per CPU ormai datate; come quella del ricercatore nella sicurezza Christopher Domas, e che ha raccontato il 9 agosto alla conferenza dei Black Hat di Las Vegas. E di cui ne dà notizia Tom’s Hardware

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!

Per la stesura dell’articolo ringraziamo Kim ALLAMANDOLA, affezionato lettore che ci ha segnalato la notizia.

Forse è stato uno dei primi esempi di cloud immediatamente riconoscibile da tutti: devi avere dei file tra più computer? Usa Dropbox! La caratteristica di esser stato disponibile velocemente su varie piattaforme e device (da Windows a  Linux, da iOS ad Android) poi lo ha reso un servizio praticamente universale.

Ecco perché il messaggio cheda qualche giorno appare

Leggi il contenuto originale su Mia mamma usa Linux!