Ubuntu 18.04: arriva la prima patch del kernel contro Spectre Variante 4

Canonical ha rilasciato un aggiornamento del kernel per Ubuntu 18.04 LTS (Bionic Beaver) andando a patchare la falla di sicurezza emersa un paio di giorni fa e nota come Spectre Variante 4 (Speculative Store Buffer Bypass – SSBB). Il funzionamento della “Variante 4” di Spectre fondamentalmente non vede modifiche rispetto a quello delle vulnerabilità precedenti: […]

L’articolo Ubuntu 18.04: arriva la prima patch del kernel contro Spectre Variante 4 sembra essere il primo su Lffl.org.

Continue reading »

Google e Microsoft scoprono una nuova vulnerabilità nelle CPU e la fix rallenta ulteriormente le macchine

Brutte notizie per le CPU di tutto il mondo, già flagellate dallo scorso dicembre dal problema Meltdown e Spectre. Brutte, ma come abbiamo sempre detto, in qualche modo attese. È infatti recente la notizia, che riporta The Verge, della scoperta da parte di Google e Microsoft di una nuova falla denominata Speculative Store Bypass che nella sostanza ripercorre i tratti di quella speculative execution causa di tutti i grattacapi che stiamo vivendo in questi mesi, eccola spiegata molto chiaramente in questo video: La cosa peggiore è che la soluzione di questo problema una volta applicato al firmware delle CPU ne cala le performance tra il 2 e l’8 percento. Non poco, se sommato a quanto già le CPU sono state rallentate dalle precedenti fix per Spectre. E le grandi aziende cosa fanno nel frattempo? Si va da Microsoft che sta offrendo fino a duecentocinquantamila dollari per la scoperta di bug simili a Meltdown e Spectre fino ad arrivare in qualche modo ad Intel che è al lavoro sulle modifiche alle CPU del futuro, che vedranno la luce alla fine di quest’anno. Il che, se non lo si fosse capito, significa che il tempo delle patch non è affatto finito, tutt’altro: […]

Continue reading »

IPFire 2.19 Core 120

IPFire IPFire è una distribuzione Linux orientata al networking, che offre, modularmente: Firewall Web Proxy VPN Gateway Intrusion detection Quality of Service Virtualizzazione Wireless access point Il tutto pensato per essere semplice da configurare e…

Continue reading »

Disponibile LXQt 0.13: sarà a bordo di Lubuntu 18.10

Gli sviluppatori hanno rilasciato ufficialmente LXQt 0.13, noto desktop environment per sistemi GNU/Linux. LXQt sta per “the Lightweight Qt Desktop Environment”, ed è un fork dell’ormai superato LXDE (Lightweight X11 Desktop Environment). La principale differenza tra LXDE e LXQt è che il primo è ancora basato su GTK+ 2 (e per ora non è previsto […]

L’articolo Disponibile LXQt 0.13: sarà a bordo di Lubuntu 18.10 sembra essere il primo su Lffl.org.

Continue reading »

Shuttleworth non ha dubbi, Canonical Ubuntu OpenStack è una soluzione migliore di quelle offerte da Red Hat e VMware

È un Mark Shuttleworth parecchio aggressivo quello che si è presentato all’OpenStack Summit 2018 di Vancouver in questi giorni. Durante il keynote che lo ha visto protagonista, il CEO di Canonical ha aperto così: Mission is to remove all the friction from deploying OpenStack. We can deliver OpenStack deployments with two people in less two weeks anywhere in the world. L’obbiettivo è eliminare tutte le difficoltà nell’adozione di OpenStack. Possiamo realizzare deployment di OpenStack con due persone in meno di due settimane in qualsiasi posto del mondo. Per calare subito dopo l’attacco ai suoi principali competitor: Amazon increased efficiency, so now everyone is driving down cost of infrastructure. Everyone engages with Ubuntu, not Red Hat or VMware. Google, IBM, Microsoft are investing and innovating to drive down the cost of infrastructure. Every single one of those companies works with Canonical to deliver public services. Amazon ha incrementato l’efficienza, quindi ora tutti vogliono abbassare i costi delle infrastrutture. Tutti lo fanno con Ubuntu, non Red Hat o VMware. Google, IBM e Microsoft stanno investendo ed innovando per abbassare i costi di infrastruttura e ciascuna di queste società lavora con Canonical per offrire servizi pubblici. Tutt’altro che leggero quindi il tocco, con […]

Continue reading »

Esposti i piani iniziali per Ubuntu 18.10

Rilasciato da poco Ubuntu 18.04  Bionic Beaver (nonché LTS), Canonical deve pensare alla nuova versione da rilasciare ad ottobre: Ubuntu 18.10 Cosmic Cuttlefish. E cosa aspettarci in questa nuova iterazione? Ce lo spiega in un post Will Cooke, uno degli sviluppatori coinvolti, che parte dai miglioramenti previsti per la 18.04.01 (prima point release, prevista a giugno): sblocco tramite impronta digitale; impostazioni dell’interfaccia Thunderbolt tramite il Centro di controllo di GNOME; supporto per le applicazioni SNAP di XDG Portals. Proprio l’ultimo punto conferma la grande attenzione (e fiducia) di Canonical in questo formato per la distribuzione di pacchetti. Tanto che due delle novità riguardano questo formato: tempo di avvio delle applicazioni SNAP Uno dei punti deboli rimarcato delle installazioni SNAP è la necessità di configurare una serie di parametri al primo avvio, allungandone (molto) il tempo necessario per avviarsi. Il sistema di costruzione del pacchetto SNAP ha da poco aggiunto la possibilità di effettuare (alcune) di queste configurazioni direttamente nella fase di impacchettamento, così da evitare questo effetto; inoltre è stato promesso l’impegno di indagare più a fondo, per eliminare il più possibile il ritardo. Chromium distribuito via SNAP Il browser di Google Chrome (closed source)  ha da sempre un gemello open source da […]

Continue reading »

Intel, AMD e Arm nei guai: ecco Spectre Variante 4

Abbiamo parlato diffusamente di Meltdown&Spectre, le falle che hanno di fatto reso il 2018 l’annus horribilis per i produttori di CPU, soprattutto per Intel. Nelle scorse ore è stata scoperta una nuova vulnerabilità riguardante Spectre, il suo nome è Variante 4: cerchiamo di scoprirne di più. Innanzitutto va detto che questa Variante 4 affligge sia […]

L’articolo Intel, AMD e Arm nei guai: ecco Spectre Variante 4 sembra essere il primo su Lffl.org.

Continue reading »